Sei in: Home » Articoli

Legge di stabilità 2015: novità per gli 'autonomi'. Triplicano le imposte per il regime dei minimi

povero

Tra le novità più rilevanti e, al contempo, più discusse previste dalla legge di stabilità 2015 (vai all'articolo "Legge di stabilità 2015: i contenuti in breve") vi è senz'altro la modifica al regime fiscale agevolato per gli autonomi.

Per le circa 900mila partite Iva italiane (stando alle stime del governo), tra   artigiani, microimprese, piccoli professionisti e ambulanti, l'art. 9 del ddl stabilità ridisegna il regime fiscale, con un forfait unico che vede triplicare l'aliquota dell'imposta sostitutiva (dal 5% al 15%), ma ampliando la platea dei beneficiari (fino a 40.000 euro) e senza limiti di tempo né anagrafici.

Il nuovo regime, a forfait unico del 15% del reddito (che racchiude Irpef, addizionali regionali e comunali e Irap), si applicherà a tutti i “minimi” spazzando via i vari “forfettini” e “forfettoni” attualmente in vigore, ai “contribuenti persone fisiche esercenti attività d'impresa, arti o professioni” che nell'anno precedente:

 -  hanno conseguito ricavi o compensi non superiori ai limiti indicati nell'allegato 4 al ddl, a seconda dell'attività svolta in base al codice Ateco (ovvero da un minimo di 15mila a un massimo di 40mila euro);

 -     hanno sostenuto spese per lavoro accessorio, lavoratori dipendenti e collaboratori per un ammontare complessivo non superiore ad euro 5mila lordi;

 -    si sono avvalsi di beni strumentali, il cui costo (alla chiusura dell'esercizio e al lordo degli ammortamenti) non superi i 20mila euro.

A tutti costoro verrà applicato a partire dal 2015 il nuovo regime con imposta sostitutiva fissata al 15% (con riduzione di 1/3 per le nuove attività), senza vincolo di permanenza né di età, fatta salva la possibilità di optare per il regime ordinario e di proseguire nell'applicazione del regime agevolato per l'imprenditoria giovanile, per coloro i quali ne hanno usufruito nel 2014, fino al termine del quinquennio e comunque, sino al compimento dei 35 anni di età. 

Vedi anche: "Legge di stabilità 2015: i contenuti in breve - In allegato il testo del DDL".

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/10/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF