Sei in: Home » Articoli

Cassazione: sì alle aule scolastiche videosorvegliate

scuola docente docenti prof insegnante

Mentre si moltiplicano le denunce nei confronti di insegnanti per maltrattamenti e molestie a danno degli allievi, e le pronunce “collaterali” contro i dirigenti scolastici per omessa vigilanza (vedi sentenza n. 38060/2014), torna di attualità una sentenza emessa due anni fa dalla Cassazione (la n. 33593/2012) che stabilisce la legittimità della videosorveglianza in classe, proprio al fine di provare la fondatezza delle accuse di violenze mosse agli educatori (o a contrario per scagionare del tutto questi ultimi, qualora siano innocenti). 

Purché sussista un sufficiente fumus delicti, il pubblico ministero – senza l'intervento del Gip – può dunque autorizzare l'installazione all'interno delle aule degli istituti scolastici di dispositivi di videoripresa. 

Secondo gli Ermellini, infatti, le aule scolastiche non rientrano nella definizione di domicilio, poiché si tratta di luoghi aperti al pubblico cui può avere accesso un numero indeterminato di persone, non necessariamente pre-identificate (oltre ad alunni, docenti e personale amministrativo, anche familiari degli alunni, addetti alla sicurezza, personale esterno etc.): le registrazioni audio e video sono quindi da considerarsi del tutto legittime, se previamente autorizzate dal magistrato (ma non necessariamente dal Giudice). Leggi testo della sentenza Cassazione penale Sentenza 03/09/2012, n. 33593).


(19/09/2014 - Mara M.)
Le più lette:
» Processo civile: l'opposizione all'esecuzione
» Designer e architetti: come sfruttare al meglio gli smartphone
» Addio al genitore collocatario: la prima sentenza del tribunale di Lecce
» Equitalia cerca avvocati: domande entro il 27 giugno
» Vaccini: multe fino a 7.500 euro per i genitori e sospensione della potestà
In evidenza oggi
I figli devono garantire assistenza morale e materiale ai genitori anzianiI figli devono garantire assistenza morale e materiale ai genitori anziani
Divorzio: assegno anche se la ex rifiuta di lavorareDivorzio: assegno anche se la ex rifiuta di lavorare
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF