Sei in: Home » Articoli

Consiglio di Stato: No alla espulsione in mancanza di accertamenti sulla posizione attuale del cittadino straniero

L'Amministrazione, in sede di esame del rilascio o del rinnovo del permesso di soggiorno, deve valutare la situazione attuale e concreta in cui si trova lo straniero
clandestino straniero extracomunitario immigrato

A cura dell'avv. Cristina Bassignana   www.avvocatobassignana.it

 

Il Consiglio di Stato con sentenza n. 1611/2013 ha confermato un consolidato orientamento giurisprudenziale secondo cui "l'Amministrazione, in sede di esame del rilascio o del rinnovo del permesso di soggiorno, deve valutare la situazione attuale e concreta in cui si trova lo straniero al momento della conclusione del procedimento, avuto riguardo al comportamento tenuto, alla sussistenza di attività lavorativa e all'attualità o meno della pericolosità sociale nella comparazione con pregresse situazioni preclusive".


Sulla base di questo orientamento, il Consiglio di Stato ha accolto l'appello di un cittadino egiziano in riforma della sentenza del TAR Lombardia (n. 00413 del 2011) che appunto in primo grado aveva rigettato il ricorso.


Ma veniamo ai fatti che hanno dato origine a questa vicenda giudiziaria che ha visto vittorioso il cittadino egiziano.

Nel 2002 il ricorrente, con altre generalità, era stato espulso dal territorio italiano e vi aveva fatto rientro dopo cinque anni con visto di lavoro subordinato rilasciato dall'Ambasciata Italiana presso il Cairo. L'egiziano ha pertanto presentato istanza per ottenere il rilascio del permesso di lavoro subordinato. L'istanza è stata rigettata dal Questore di Milano a causa della precedente espulsione.


Il cittadino egiziano ha quindi impugnato la sentenza del tar della Lombardia, che riconosceva la legittimità del provvedimento del Questore, eccependo l'omessa notifica del decreto di revoca del nulla osta e l'ottemperanza al decreto di espulsione essendo rientrato in Italia dopo cinque anni.


Il Consiglio di Stato ha ritenuto fondato l'appello per i seguenti motivi. 

Innanzitutto, si considera violato il diritto di difesa dell'interessato in quanto l'Amministrazione non è stata in grado di fornire la prova dell'avvenuta notifica del decreto di revoca del nulla osta emesso dal Prefetto, atto presupposto a quello del Questore; in secondo luogo, la Questura non ha fornito alcuna relazione comprovante la situazione attuale del ricorrente in ordine al comportamento tenuto, all'attività lavorativa e alla pericolosità sociale; in terzo luogo, non si è tenuto in debito conto della Direttiva CE n. 115/2008 che riduceva da 10 a 5 anni il termine per il reingresso in Italia degli stranieri destinatari di provvedimenti di espulsione.



Testo sentenza consiglio di stato n. 1611/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/09/2014 - Cristina Bassignana)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF