Diritto di Famiglia

Cassazione: matrimonio di breve durata e assegno di mantenimento. Ecco il testo della sentenza e i precedenti giurisprudenziali

Nel caso di specie il giudice del merito ha tenuto conto non solo del livello di vita del coniuge benestante, ma anche della breve durata del vincolo coniugale, di fatto di soli due anni.
divorzio separazione

di Licia AlbertazziCorte di Cassazione civile, sezione sesta, ordinanza n. 18722 del 4 Settembre 2014. Al termine del procedimento di divorzio, il giudice può legittimamente riconoscere alla ex moglie che guadagna 16 volte meno del marito un assegno di mantenimento di soli 200 euro mensili.

Lo chiarisce la Corte di Cassazione facendo notare come nel caso di specie il giudice del merito ha tenuto conto non solo del livello di vita del coniuge benestante, ma anche della breve durata del vincolo coniugale, di fatto di soli due anni.

Nella sentenza si fa notare come al fine di determinare l'obbligo e l'entità dell'assegno di mantenimento, il giudice di merito ha a disposizione i criteri elencati all'art. 5, comma sesto, della legge 898/1970 (legge sulla separazione e divorzio; ad esempio, le condizioni dei coniugi, la ragione della decisione di rottura, il reddito di entrambi e la durata del matrimonio). 

Nel fondare la propria decisione egli deve congruamente motivare le ragioni della scelta. Circostanza che nel caso in esame è stata rispettata dalla Corte d'appello, la quale ha correttamente interpretato la norma di cui sopra dando prevalenza all'esigua durata del vincolo e “sull'autonomo lungo percorso di vita vissuto da ciascuna delle parti prima del divorzio”. 

Tale operazione, se compiutamente motivata, è insindacabile in sede di legittimità. In prevalenza degli altri requisiti sopra elencati, la sola circostanza della modestia del reddito di uno dei due coniugi non è di per sé sufficiente a fondare le ragioni della ricorrente, la quale si è vista rigettare il  ricorso.


Ecco alcuni precedenti della Corte di Cassazione in relazione alla breve durata del matrimonio. Subito sotto, il testo integrale della sentenza in commento.

Cassazione sentenza 3398/2014
Ai fini del riconoscimento del diritto all'assegno divorzile il giudice deve limitarsi a valutare se i mezzi di cui dispone il coniuge richiedente siano adeguati e sufficienti alla conservazione almeno tendenziale del tenore di vita goduto in costanza di matrimonio.
Ai soli fini della quantificazione e del contenimento dell'importo dell'assegno potranno essere valutati i criteri della durata del rapporto coniugale e delle ragioni della decisione.

Cassazione civile 23378/2004
Alla breve durata del matrimonio non può essere riconosciuta efficacia preclusiva del diritto all'assegno di mantenimento, ove di questo sussistano gli elementi costitutivi, rappresentati dalla non addebitabilità della separazione al coniuge richiedente, dalla non titolarità, da parte del medesimo, di adeguati redditi propri, ossia di redditi che consentano di mantenere un tenore di vita analogo a quello goduto in costanza di matrimonio, e dalla sussistenza di una disparità economica tra le parti. Al più, alla durata del matrimonio può essere attribuito rilievo ai fini della determinazione della misura dell'assegno di mantenimento.

Cassazione sentenza 25174/2011
La ripartizione del trattamento di reversibilità, in caso di concorso tra coniuge divorziato e coniuge superstite aventi entrambi i requisiti per la relativa pensione, deve essere effettuato, oltre che sulla base del criterio della durata del rapporto matrimoniale, anche ponderando ulteriori elementi funzionali allo scopo di evitare che il primo coniuge sia privato dei mezzi indispensabili per il mantenimento del tenore di vita che gli avrebbe dovuto assicurare nel tempo l'assegno di divorzio ed il secondo sia privato di quanto necessario per la conservazione del tenore di vita che il "de cuius" gli aveva assicurato in vita.

Vedi anche: La guida legale sull'assegno di mantenimento

Vai al testo dell'ordinanza 18722/2014
(14/09/2014 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF