Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Solo cittadini italiani e rifugiati ammessi ai pubblici concorsi, ma la legge si adegui alla società

esame studente scuola concorso

Niente cittadini extracomunitari nel pubblico impiego… almeno per il momento. È quanto hanno ribadito i Giudici della sezione lavoro della Corte di Cassazione con la sentenza n. 18523/2014. L'accesso alle selezioni pubbliche è, infatti, riservato a: cittadini italiani, cittadini dell'Unione Europea e, dal 2007, anche a chi ha ottenuto lo status di rifugiato. 

Non è previsto perciò l'allargamento della partecipazione ai soggetti immigrati da Paesi extracomunitari che non siano dichiarati rifugiati. Tanto prevede la Norma. E la Corte non ha dovuto far altro che rinviare alla Legge, nel respingere il ricorso di una donna albanese contro l'esclusione da un concorso indetto nel 2011 dal Ministero dell'Economia per i lavoratori disabili dei Monopoli di Stato. Motiva infatti la Corte: la decisione “è frutto di una scelta politica tutt'ora espressa" dal Legislatore, “pure nella consapevolezza dell'evoluzione sociale”, della “tendenziale omogeneizzazione a fini giuridici dell'appartenenza ad etnie e cittadinanze” e della “progressiva attenuazione delle rilevanza dell'appartenenza nazionale”

Dunque, sta alla politica adeguare le norme ai mutamenti della società, compresa la sua crescente multietnicità. Anche se – sottolineano allo stesso tempo gli Ermellini – per gli impieghi pubblici trova altresì spazio “la valutazione della particolarità e delicatezza delle funzione svolta alle dipendenze dello Stato” e questo vale “in particolare” per il Ministero dell'Economia.

Vai al testo della sentenza 18523/2014
(09/09/2014 - Mara M.)
Le più lette:
» Avvocati: ne resteranno solo 100mila
» Stalking: reato cancellato con i soldi … anche se la vittima non vuole
» Usucapione: il possesso dei genitori si trasmette ai figli
» Multe non pagate? Niente passaporto
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
In evidenza oggi
Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reatoAvvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
Avvocato madre: arriva il legittimo impedimento per leggeAvvocato madre: arriva il legittimo impedimento per legge
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo