Sei in: Home » Articoli

Vacanza rovinata: crociera senza bagagli, paga la compagnia

crociera nave

Continua la linea dura dei giudici di pace sui danni provocati ai turisti durante le agognate vacanze.

Dopo la sentenza che ha sanzionato le pratiche di overbooking, risarcendo una coppia di turisti di ritorno dal Camerun (n.1651/2014), è un altro giudice di pace catanese, Laura Milazzo, ad occuparsi del danno da vacanza rovinata, causato ad una famiglia partita per una crociera sulle rive del mar Baltico e rimasta senza bagagli. Il viaggio prevedeva, infatti, il trasferimento aereo da Catania a Roma e Copenaghen per poi imbarcarsi sulla nave, ma le valigie non erano giunte a destinazione: smarrite e poi ritrovate, venivano riconsegnate in parte durante la crociera, in parte alla fine della vacanza, privando i turisti dei propri beni ed effetti personali e sottoponendoli a diversi disagi.

Fallito il tentativo bonario di risarcimento, avanzato dalla famiglia alla società crocierista, la vicenda approdava dal giudice di pace, dove la suddetta società chiamava in causa anche la compagnia aerea sostenendo che fosse stata la stessa a provocare effettivamente il disservizio.

Il giudice catanese non ha dubbi, la famiglia va risarcita. Rigettando le istanze della società convenuta, il giudice, con sentenza n. 1926 del 27 giugno 2014, ha accolto il ricorso, dichiarando la responsabilità solidale della compagnia crocierista e di quella aerea. Applicando l'art. 43, comma 2, del Codice dei Turismo, ha sancito, infatti, che la crociera corrisponde a tutti gli effetti a un pacchetto turistico, per cui “dei danni sofferti dai turisti, ovviamente collegati all'acquisto del pacchetto, risponde anche l'organizzatore o intermediario”, condannando, quindi, la società crocierista al risarcimento, fatto salvo il diritto di rivalsa nei confronti del vettore aereo, condannato in solido. 

Vai al testo di questa sentenza
(04/09/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF