Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Il giudice d'appello deve rinnovare l'istruttoria se vuole dare una diversa valutazione della prova testimoniale

sentenza martello
Il giudice d'appello può anche dare una diversa valutazione sull'attendibilità di un teste rispetto a quella fatta dai giudici di primo grado ma in tal caso, spiega la corte di Cassazione, è necessario che sia rinnovata l'istruttoria.

Tale obbligo spiega il giudice di piazza Cavour (sentenza 32619/2014) sussiste  sia se si debba pervenire una sentenza di assoluzione sia nel caso in cui si debba pervenire a una sentenza di condanna.

Va ricordato che la rinnovazione dell'istruttoria dibattimentale è regolata dall'art. 603 del Codice di Procedura Penale che ha una portata piuttosto ampia.

Il primo comma  fa infatti riferimento alla possibilità della parte di chiedere la riassunzione di prove già acquisite in primo grado o l'assunzione di nuove prove ma c'è anche la possibilità che il rinnovo dell'istruzione sia disposto ufficio (in base a quanto prevede il terzo comma dell'articolo 603).

In una precedente sentenza la stessa Corte (Cassazione sent. n.1256/2013) aveva evidenziato l'importanza della rinnovazione dell'istruttoria  affermando che la mancata rinnovazione può essere censurata se si dimostra "l'esistenza, nell'apparato motivazionale posto a base della decisione impugnata, di lacune o manifeste illogicità, ricavabili dal testo del medesimo provvedimento e concernenti punti di decisiva rilevanza, le quali sarebbero state presumibilmente evitate provvedendosi all'assunzione o alla riassunzione di determinate prove in appello".

(03/09/2014 - A.V.)
Le più lette:
» La buona fede contrattuale
» Decreto ingiuntivo: quando si prescrive?
» Rumori in condominio: quando possono fondare il reato di disturbo della quiete
» Avvocati: online la nuova banca dati gratuita
» Fino a 169 euro di multa per chi guida troppo piano
In evidenza oggi
Papa: società "stolta" che costringe i vecchi a lavorare e i giovani a restare disoccupatiPapa: società "stolta" che costringe i vecchi a lavorare e i giovani a restare disoccupati
Arriva l'112: il numero unico per le emergenzeArriva l'112: il numero unico per le emergenze
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF