Sei in: Home » Articoli

Adozione a coppie gay anche in Italia?

gay omosessuali

Ha suscitato grande scalpore, nei giorni scorsi, la "prima adozione da parte di una coppia gay italiana" - o almeno quella che così è stata definita dai mass-media. Non stiamo parlando dell'approvazione - fulminea! - di una legge costitutiva di un nuovo diritto, bensì di un provvedimento giurisdizionale che, a detta del Giudicante, non fa che applicare norme già vigenti. 

Andiamo con ordine. Tizia, convivente con Caia, diventa nel 2003 (grazie a una procedura di fecondazione assistita eseguita all'estero) madre biologica di una bambina, che per la Legge non ha alcun rapporto di parentela con Caia e dunque ha un solo genitore. Tizia e Caia, assistite dall'Associazione Italiana Avvocati di Famiglia e Minori, decidono allora di rivolgersi all'Autorità Giudiziaria per ottenere una pronuncia che renda anche Caia madre legittima della piccola. La Legge, infatti, è dalla loro parte! L'art. 44 del T.U. sulle Adozioni del 1983, così come modificato nel 2001, recita che “nel superiore e preminente interesse del minore a mantenere anche formalmente con l'adulto, in questo caso genitore ‘sociale', quel rapporto affettivo e di convivenza già positivamente consolidatosi nel tempo”, possa essere presa in considerazione anche l'adozione da parte di persone omosessuali. Su queste basi, il Tribunale per i Minorenni di Roma ha semplicemente dato atto - conferendo ad essa valore legale - di una situazione preesistente. 

In questo caso, poi, sarebbe più corretto parlare di adozione da parte di una donna gay (Caia - "non madre" biologica), e non già di una coppia, visto che Tizia aveva già riconosciuto la propria figlia in qualità di madre naturale della stessa. E comunque si tratta di una pronuncia che "certifica" una situazione di fatto corrente, e non costituisce ex novo un rapporto di genitorialità. 

Certo è che - con buona pace di Giovanardi & co! - la sentenza de qua segna comunque un'importante apertura del c.d. "diritto vivente" nei confronti di un possibile riconoscimento del diritto alla filiazione delle persone omosessuali.  

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(05/09/2014 - Mara M.)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF