Non si rassegna ai domiciliari. Scappa per farsi arrestare e avere un pasto caldo!

carcere prigioniero detenuto

Ha del paradossale - ma nemmeno poi tanto (visto che non è il primo caso) - la vicenda di un 35enne miranese che, costretto agli arresti domiciliari per il reato di rapina impropria (posta in essere per tentare di rubare una bicicletta), fa di tutto per farsi incarcerare. 

Spinto dalla disperazione di sentirsi abbandonato da tutti e dalla mancanza di mezzi di sostentamento, il giovane è evaso più volte dalla sua abitazione con la precisa volontà di farsi arrestare - e poter procurarsi, così, almeno un pasto caldo! Solo alla quarta uscita non autorizzata, il 35enne evasore è stato fermato dalle forze dell'ordine, ma anziché "spedirlo" in prigione, il magistrato di sorveglianza competente ne ha disposto l'affidamento a una comunità protetta (insomma vitto e alloggio come voleva e soprattutto possibilità di avere un aiuto concreto per il reinserimento sociale). 

Data la relativa lievità del reato commesso, la prima finalità della misura disposta dal Magistrato è, infatti, il recupero sociale del soggetto

Un caso singolare, che potrebbe suscitare qualche riflessione riguardo le disposizioni del recentissimo "Decreto Carceri" in materia di custodia cautelare extracarceraria...



(03/09/2014 - Mara M.)
Le più lette:
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Avvocati: albi online senza segreti
» Condominio: multe fino a 2.500 euro per chi non adegua i termosifoni
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Tribunale degli Animali: gli avvocati a difesa dei "pelosi" dopo il divorzio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF