Sei in: Home » Articoli

Cassazione. La raccomandazione: e che male c'è?

cassazione sentenza
Coloro che credono (o sperano... ancora!) nella meritocrazia e nella Giustizia intesa nel senso più pieno del termine, rimarranno delusi - e forse un tantino indignati - da questa sentenza della Cassazione - la n. 32035/14 -, che in pratica "legittima" la raccomandazione.

Il processo di merito prendeva le mosse da delle intercettazioni ambientali nelle quali si udiva un Comandante dei Carabinieri "segnalare" a un assessore comunale il nome della propria figlia in merito a un pubblico concorso. Mentre il Comandante andava libero da pena, in secondo grado, per prescrizione del reato di abuso d'ufficio che lo vedeva imputato, l'assessore e il Segretario comunale, la Commissione di concorso e il Presidente della stessa, venivano infine prosciolti dalla Suprema Corte dall'accusa di abuso d'ufficio e falsità in atto pubblico perché - motivavano gli Ermellini -: la raccomandazione non si atteggia con comportamenti coattivi e positivi nei confronti del pubblico ufficiale, ma è un atto che lascia quest'ultimo libero di aderire o meno a un "invito". E non è la prima volta che la Cassazione si mostra così indulgente nei confronti di questo genere di pratiche (vd. sent. n. 38762/12).

Che dire: sicuramente i casi in questione non presentavano profili di perseguibilità penale, ma forse non sarebbe male se i Giudici Supremi ogni tanto stigmatizzassero l'italico ricorso all'aiutino, anziché 'derubricarlo' al rango di invito
!...  
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(26/08/2014 - Mara M.)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF