Sei in: Home » Articoli

Certificato “antipedofilia”: obbligo di richiesta del datore di lavoro, anche senza consenso del dipendente

immigrati bambini

Dal 28 luglio scorso, ogni datore di lavoro può richiedere il certificato “antipedofilia” necessario per operare con i minori, anche senza il consenso del lavoratore. Lo ha reso noto il Ministero della Giustizia (attraverso la circolare del 24 luglio 2014), a seguito del completamento delle modifiche tecniche del Sistema Informativo del Casellario per il rilascio dei certificati (contenenti le condanne per i reati di cui agli artt. 600-bis, 600-ter, 600-quater, 600-quinquies, 609-undecies, nonché l'irrogazione di sanzioni interdittive all'esercizio di attività comportanti contatti con i minori), in attuazione della direttiva 2011/93/UE relativa alla lotta contro l'abuso e lo sfruttamento sessuale dei minori e la pornografia minorile.

L'odierno risultato è in realtà il frutto dell'ultimo passaggio del processo di attuazione della direttiva, iniziato ad aprile, con l'entrata in vigore del d.lgs. n. 39/2014 (emanato in attuazione della direttiva 2011, in sostituzione della decisione quadro 2004/68/GAI), che ha istituito, con l'introduzione del nuovo art. 25-bis al d.p.r. n. 313/2002, l'obbligo per i datori di lavoro di acquisire il “certificato penale del casellario giudiziale” dei dipendenti adibiti allo svolgimento di attività professionali o volontarie organizzate implicanti contatti con i minori d'età, previo consenso dell'interessato.

Con la predisposizione del SIC per il rilascio dei certificati contenenti le iscrizioni relative a condanne per i reati sessuali nei confronti dei minori ovvero a specifiche interdizioni concernenti i contatti con gli stessi, a partire dalla fine di luglio, il datore di lavoro potrà acquisire, invece, la c.d. “fedina penale” del lavoratore anche senza averne acquisito preventivamente il consenso.

I nuovi certificati potranno essere estratti, su richiesta del datore di lavoro privato (comprese le organizzazioni di volontariato), delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi che intendano impiegare (con contratti di lavoro e non con forme di collaborazione, per le quali non vige l'obbligo) una o più persone al fine di svolgere attività professionali o volontarie che richiedano contatti diretti e regolari con i minori.

(24/08/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
In arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefonoIn arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefono
Giudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunaliGiudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunali
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF