Sei in: Home » Articoli

Non c'è tutela di privacy per i pignoramenti

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter 8/14 marzo 2004) ha stabilito che la normativa in materia di protezione dei dati personali non può essere invocata per ottenere la cancellazione della trascrizione di pignoramento contenuta nei pubblici registri immobiliari in difformità dalle specifiche ipotesi e particolari procedure previste dalla normativa di settore. Con questa decisione l'Autorità ha giudicato infondato il ricorso presentato da un cittadino che lamentava di non aver ricevuto riscontro ad una sua istanza presentata all'Agenzia del territorio del suo Comune, nella quale, in riferimento ad una procedura esecutiva immobiliare promossa nei suoi confronti da un istituto di credito, aveva chiesto, ai sensi dell'art. 13 della legge 675/1996, l'immediata cancellazione dei dati personali che lo riguardavano.
(06/04/2004 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Il contratto di locazione - contenuto e forma. Con fac-simile
» Affido condiviso: i figli restano nella casa familiare, saranno i genitori ad alternarsi
» Avvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studio
» Violenza donne: arriva il braccialetto obbligatorio per gli stalker e il risarcimento statale per le vittime
» Auto: dal 2018 con il documento unico per chi non paga il bollo radiazione sicura
In evidenza oggi
Avvocati: la segretezza della corrispondenza tra colleghi prevale anche sul diritto di difesaAvvocati: la segretezza della corrispondenza tra colleghi prevale anche sul diritto di difesa
Divorzio: assegno solo a chi guadagna meno di mille euro al meseDivorzio: assegno solo a chi guadagna meno di mille euro al mese
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF