Sei in: Home » Articoli

Decreto Competitività. Dopo la fiducia il decreto è diventato legge. Ecco il testo del provvedimento

senato id13403

Tra polemiche e forti dissensi, l'aula del Senato, il 7 agosto scorso, ha confermato la fiducia al Decreto competitività. Con 155 voti a favore (e 27 contrari), il provvedimento, è diventato legge, concludendo un iter piuttosto “tortuoso” che ha portato a numerose cancellazioni, bocciature e ritiri.

Tra le soppressioni più eclatanti di quello che è stato definito un decreto “omnibus”, rilevano: la cancellazione della deroga al tetto di 240mila euro per gli stipendi dei manager pubblici, delle società quotate e delle emittenti strumenti finanziari o titoli scambiati; l'eliminazione del pagamento dei crediti per oltre 500 milioni a Poste Italiane e delle esclusive possibilità previste per la Scia nell'ambito delle semplificazioni per l'imprenditoria.

Cancellate anche le norme sui “condhotel”, le assunzioni per chiamate dirette alla Consob e diverse disposizioni legate al settore agroalimentare. Colpo di penna anche per l'anatocismo e ripristino, invece, della soglia di 1.000 euro per l'uso del contante a stranieri e turisti in Italia.

Punti chiave del decreto n. 91/2014 rimangono, invece, le misure sull'Ilva (con il c.d. prestito ponte); l'introduzione della doppia soglia “Opa” al 25% per le società quotate (escluse le PMI); una serie di misure e agevolazioni per le imprese, tra cui il potenziamento degli aiuti per la crescita (Ace) e le proroghe per l'istanza di certificazione dei crediti.

Consistenti anche gli interventi del pacchetto “spalma incentivi” e in campo ambientale, con limiti agli scarichi nelle acque e nelle fogne e sanzioni per il mancato rispetto delle regole sui “bioshopper”, oltre a provvedimenti per fronteggiare il dissesto idrogeologico e a procedure semplificate per le bonifiche.

In ambito agricolo, infine, degne di nota le misure “Campolibero”, a favore dei giovani (mutui a tasso zero, detrazioni per affitto dei terreni, sgravi per le assunzioni, ecc.).

Ecco il testo del decreto 91/2014

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/08/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF