Sei in: Home » Articoli

Danno parentale: Tribunale di Ascoli, se ci sono altri congiunti il quantum si riduce

cassazione sentenza giudice toga avvocato

La presenza di altri congiunti, conviventi o meno, all'interno del nucleo familiare è uno dei fattori che determinano la riduzione dell'entità risarcitoria del danno parentale.

Attenendosi a tale principio, il Tribunale di Ascoli, con ordinanza n. 4/2014, chiamato a determinare il quantum del danno da perdita del congiunto (nella specie, la madre) ha ritenuto di liquidare, a ciascuno dei figli, in ragione dell'età del familiare deceduto, dell'ampia compagine e unione della famiglia, nonché dell'inesistenza di rapporti di convivenza tra i figli e la madre, un risarcimento “al minimo della forbice individuata nelle tabelle del Tribunale di Milano, aggiornata al 2013 – e – ritenuta dalla Corte di Cassazione un valido e necessario criterio di riferimento ai fini della valutazione equitativa del danno (Cass. n. 14402/2011)”.

In particolare, secondo il Tribunale Piceno, sebbene la madre costituisse per i figli “il centro della loro vita familiare” non vi sarebbe “impedimento per gli stessi di ricreare un quadro di sostanziale armonia e reciproca collaborazione anche in sua assenza”, per cui ricorrerebbero i fattori di mitigazione dell'entità risarcitoria da liquidare in favore dei figli.

Il principio è avallato anche dalla giurisprudenza di legittimità, secondo la quale in materia di danno da perdita parentale, ciascuno dei familiari superstiti ha diritto alla liquidazione del pregiudizio non patrimoniale subito, a causa dell'irrimediabile distruzione di un quadro esistenziale basato sull'affetto, la condivisione, la sicurezza e la serenità dei rapporti, in proporzione a diversi elementi (durata e intensità del vincolo, età della vittima e dei danneggiati, ecc.) tra cui la composizione del restante nucleo in grado di prestare assistenza morale e materiale (Cass. n. 1410/2011; n. 9231/2013; n. 29735/2013).

La ratio di tale orientamento si rinviene, in sostanza, nella considerazione che il danno derivante dalla perdita parentale è sicuramente da ritenersi maggiore se il congiunto superstite rimane solo, privo dell'assistenza morale e materiale da parte del familiare perduto; viceversa, la presenza di altri familiari può ritenersi un fattore in grado di mitigare tale perdita e, pedissequamente, la quantificazione economica del risarcimento. 

Leggi il testo dell'ordinanza


Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/07/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: fino a mille euro per ogni figlio
» Quali beni non possono essere pignorati?
» Giovani avvocati: fino a tremila euro per master e titoli
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Condominio: per la telecamera sulle parti comuni l'unanimità non serve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF