Sei in: Home » Articoli

"Non luogo a procedere", la Cassazione detta i criteri

cassazione toga sentenza

Quali sono le valutazioni che spingono il giudice ad emettere una sentenza di non luogo a procedere?

A questa domanda ha risposto la seconda sezione penale della Corte di Cassazione nella sentenza n. 30899 depositata il 14 luglio scorso.

Chiamata a pronunciarsi sulla decisione del Gup di Avellino che dichiarava il non luogo a procedere in ordine al reato di estorsione continuata nei confronti del figlio adottivo di una coppia, il quale, con atteggiamenti aggressivi e minacce verbali costringeva i genitori a consegnarli continue somme di denaro, la S.C. ha colto l'occasione per sottolineare i criteri che spingono il giudice a pronunciarsi con la sentenza in parola.

Ha sottolineato, infatti, la Corte, che “il giudice dell'udienza preliminare nel pronunciare sentenza di non luogo a procedere, a norma dell'art. 425, comma terzo, cod. proc. pen., deve valutare, sotto il solo profilo processuale, se gli elementi acquisiti risultino insufficienti, contraddittori o comunque non idonei a sostenere l'accusa in giudizio, non potendo procedere a valutazioni di merito del materiale probatorio ed esprimere, quindi, un giudizio di colpevolezza dell'imputato ed essendogli inibito il proscioglimento in tutti i casi in cui le fonti di prova si prestino a soluzioni alternative e aperte o, comunque, ad essere diversamente rivalutate".

Da ciò deriva, pertanto, che “solo una prognosi di inutilità del dibattimento relativa alla evoluzione, in senso favorevole all'accusa, del materiale probatorio raccolto - e non un giudizio prognostico in esito al quale il giudice pervenga ad una valutazione di innocenza dell'imputato - può condurre ad una sentenza di non luogo a procedere”.

Ritenendo che il giudice territoriale avesse “travalicato i principi sopraindicati spingendosi ad effettuare valutazioni sull'insussistenza del fatto che non era propri della fase processuale nella quale ha operato” e che, in ogni caso gli elementi probatori emergenti si prestassero a soluzioni alternative, la S.C. ha, quindi, annullato la sentenza impugnata, con rinvio al Tribunale di Avellino per l'ulteriore corso.

(22/07/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Legge Gelli-Bianco: un quadro di sintesi della riforma della responsabilità medica
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Equo compenso avvocati: quali sono le clausole vessatorieEquo compenso avvocati: quali sono le clausole vessatorie
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF