Sei in: Home » Articoli

Prefazione e postfazione alla mediazione familiare

divorzio figli separazione mediazione
Dott.ssa Margherita Marzario
marghemar@hotmail.com
Abstract: L'Autrice ci presenta in sintesi lo scopo ultimo della mediazione familiare a sostegno delle relazioni familiari, fondamento dell'essere persona

“Attraverso i conflitti familiari si costruisce la personalità, l'identità. I conflitti familiari o ti uccidono o ti fanno diventare pienamente persona” (la scrittrice Silvia Avallone). 
I singoli conflitti familiari sono normali e positivi ma non la conflittualità continua, lacerante ed esasperante che può sfociare anche in forme di violenza.

Per canalizzare la conflittualità familiare e alfabetizzare al conflitto familiare, negli USA è stata professionalizzata la mediazione familiare, maturata in Italia sul finire degli anni ‘80. Nonostante siano passati decenni dalle attività pioneristiche di James Coogler, avvocato divorzista e terapeuta familiare, non si è ancora giunti ad una sua definizione univoca, data anche la varietà dei modelli di mediazione familiare. “La Mediazione Familiare è uno strumento destinato a tutte quelle coppie, sposate o conviventi, con o senza figli, che si stanno separando legalmente o di fatto, stanno divorziando, sono già separate o divorziate e vogliono modificare i precedenti accordi” : può essere questa una definizione “laica” che non si schiera per nessuna corrente.

“L'obiettivo principale e comune ad ogni modello di mediazione familiare è quello di incrementare la capacità di negoziazione delle parti, stimolando la «riapertura dei canali di comunicazione» nella coppia e proponendo alla medesima degli itinerari diversi, nel rispetto dei propri bisogni. Quindi, attraverso la promozione di un dialogo costruttivo, ogni modello si prefigge di superare la rigidità presente tra i due ex coniugi, per arrivare a soluzioni reciprocamente accettabili e durevoli nel tempo, attraverso la trasformazione del conflitto da competitivo a collaborativo. Per la realizzazione di ciò, ogni modello prevede un setting ben preciso di incontri, ognuno dei quali ha finalità e metodi ben definiti. Il numero di questi incontri varia a seconda del modello adottato, ma di solito la media è di 8-12 sedute, distribuite in un arco di tempo variabile dai sei mesi ad un anno” (dalla pedagogia delle relazioni familiari) . Anche se dai primi sviluppi della mediazione familiare in Italia sono cambiate le teorie e le metodiche, è apparsa chiara sin dagli esordi la sua funzione: far passare dalla rigidità delle posizioni alla riapertura dei canali di comunicazione nel rispetto dei bisogni e nella reciprocità delle situazioni. “Re”- e “ri”-, sono lo stesso prefisso che indica “movimento all'indietro, ritorno a uno stato precedente, atto ripetuto”, proprio come nelle relazioni familiari funzionali, nei conflitti familiari disfunzionali e negli incontri di mediazione. 
La mediazione familiare, pertanto, non è nata per il fallimento delle relazioni familiari, ma a conferma della fondamentalità delle relazioni familiari e delle esigenze di rinnovamento delle stesse relazioni.

Nella mediazione familiare si riconosce la positività dei conflitti e la normalità della dimensione conflittuale della famiglia essendo questa anche una forma di educazione all'alterità e alienità. “La famiglia è il luogo nel quale si impara anche a fare i conti con una alterità reale, vissuta senza retorica, e ci si esercita alla logica della solidarietà, che è logica della gratuità nei confronti dei membri più deboli; è qui che ci si inserisce in uno scambio di valori, di affetti, di ideali, di prestazioni interessate in modo non mercantile. Nella famiglia si scopre che la logica della privatezza e quella dell'apertura non sono antagoniste. Si diventa capaci di gestire i conflitti, di convivere col limite e con la crisi misurando, dolorosamente, tutta la distanza che può esserci tra un progetto di relazioni e di benessere e la realtà di sofferenze e mediocrità dipendenti da errori, inadeguatezze, evenienze impreviste, comportamenti incongruenti… Una famiglia che vive nella trasparenza dei valori le proprie debolezze insegna ai figli a tener conto del quotidiano nel formulare i loro sogni e li aiuta ad uscire dall'adolescenza senza cadere nella disillusione o nel nichilismo” (Alfio Briguglia, studioso di tematiche educative e familiari) . La mediazione familiare sostiene tutta la famiglia a non passare dal fallimento al nichilismo.

“Riconoscendo le caratteristiche peculiari delle dispute familiari, ossia: il fatto che le dispute familiari coinvolgono persone che, per definizione, avranno rapporti interdipendenti e continui; il fatto che le dispute familiari nascono in un contesto di emozioni dolorose e le incrementano; il fatto che la separazione e il divorzio hanno un impatto su tutti i membri della famiglia, specialmente sui bambini” (dal Preambolo della Raccomandazione R (98)1 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri sulla mediazione familiare del 21 gennaio 1998), la mediazione familiare non è una professione, ma “professione” nel senso etimologico: da “professare”, parlare davanti. Perché la mediazione cerca di chiarificare lo stato di conflittualità e di prospettare un nuovo futuro. 

“Comunque, quand'anche i genitori fossero molto bravi, è indispensabile una figura all'esterno della famiglia che faccia da guida, che dia buon esempio, che sia entusiasta nell'additare un ideale” (Valentino Salvoldi, teologo e scrittore). La mediazione è additare l'ideale (da “vedere”) della famiglia che rimane tale anche durante e oltre la crisi della coppia. Così la mediazione familiare è sempre più “a misura di bambini”, perché loro aspirano comunque alla famiglia ed ispirano sempre la famiglia, “considerando il bisogno di assicurare la protezione degli interessi superiori del bambino e il suo benessere, tale quale consacrata negli strumenti internazionali” (dal Preambolo della Raccomandazione R (98)1).

“Adirarsi è facile, ne sono tutti capaci, ma non è assolutamente facile e soprattutto non è da tutti adirarsi con la persona giusta, nella misura giusta, nel modo giusto e per la giusta causa” (Aristotele in “Etica a Nicomaco”).
Dott.ssa Margherita Marzario
(15/07/2014 - A.V.)
Le più lette:
» Multa di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospetto
» Pensioni: allo studio lo sconto di tre anni per l'uscita anticipata delle donne
» Per amici e parenti l'avvocato può anche lavorare gratis
» Ciclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metri
» Separazione: va mantenuta la ex disoccupata anche se può trovarsi un lavoro
In evidenza oggi
Divorzio: addio all'assegno alla moglie che va a stare con un altroDivorzio: addio all'assegno alla moglie che va a stare con un altro
Come si redige il ricorso per Cassazione? La "road map" in una sentenza della Suprema CorteCome si redige il ricorso per Cassazione? La "road map" in una sentenza della Suprema Corte
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF