Sei in: Home » Articoli

Lesioni personali: anche il bicchiere di vetro è un'arma impropria

bicchiere cocktail natale bar aperitivo

“In tema di armi improprie, anche un bicchiere di vetro, utilizzato come corpo contundente in un contesto aggressivo, diventa strumento atto ad offendere ed è arma ai fini dell'applicazione dell'aggravante di cui all'art. 585, comma secondo, c.p.”.

A stabilirlo è la quinta sezione penale della Corte di Cassazione, nella sentenza n. 30786 dell'11 luglio scorso, in una fattispecie riguardante un uomo, imputato del reato di lesioni personali a danno di un carabiniere.

Avverso la sentenza della Corte d'Appello - che, in parziale riforma della pronuncia di primo grado, dichiarava non doversi procedere in ordine al reato suddetto, escludendo la sussistenza delle circostanze aggravanti e dell'uso di un'arma per opporre resistenza a pubblico ufficiale, non potendo ritenersi tale un bicchiere non infranto - proponeva ricorso per cassazione il procuratore generale, rilevando violazione di legge in ordine alla ritenuta insussistenza dell'aggravante dell'utilizzo di arma, in relazione al reato di lesioni personali.

La S.C. ha ritenuto fondato il ricorso, ribadendo che “per arma impropria, deve intendersi qualsiasi oggetto, anche di uso comune e privo di apparente idoneità all'offesa, che sia in concreto utilizzato per procurare lesioni personali, giacché il porto dell'oggetto cessa di essere giustificato nel momento in cui viene meno il collegamento immediato con la sua funzione per essere utilizzato come arma”.

Rinvenendo pertanto, nel caso di specie, l'utilizzo del bicchiere di vetro come corpo contundente e, dunque, mezzo idoneo ad offendere, ai fini dell'applicazione dell'aggravante di cui all'art. 585, 2° comma, c.p., la Corte ha annullato la sentenza impugnata rinviando per nuovo esame. 

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(17/07/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF