Sei in: Home » Articoli

Cassazione: ha diritto al risarcimento del danno il lavoratore che a seguito di manovre pesanti risulti affetto da ernia al disco

lavoro fabbrica industria licenziamento lavoratore
Ha diritto al risarcimento del danno il lavoratore che risulti affetto da ernia del disco qualora si dimostri che tale patologia sia intervenuta a causa di manovre pensanti che ha dovuto compiere nello svolgimento delle proprie mansioni.

È quanto afferma la Corte di Cassazione con la sentenza numero 13954 del 19 giugno 2014 chiarendo che si è in presenza di una causa di servizio anche  nel caso in cui ci siano altri fattori causali che potrebbero aver determinato la patologia.

Come spiega la corte, sulla base del principio dell'equivalenza delle condizioni, va riconosciuta efficienza causale ad ogni antecedente che abbia contribuito anche indirettamente alla produzione dell'evento danno.

Questo significa che la contemporanea presenza di altre cause potenzialmente idonee a determinare la patologia non esclude il diritto al risarcimento. 
In altri termini il lavoratore deve solo dimostrare una connessione con il lavoro  a prescindere dall'eventuale presenza di altre concause.

Sotto il profilo probatorio, la stessa Corte di Cassazione in una precedente sentenza (la n. sentenza 22865/2013)  aveva spiegato che nel caso di patologie "aventi carattere comune ad eziologia c.d. multifattoriale, il nesso di causalità fra attività lavorativa ed evento, in assenza di un rischio specifico, non può essere oggetto di presunzioni di carattere astratto ed ipotetico, ma esige una dimostrazione, quanto meno in termini di probabilità, ancorata a concrete e specifiche situazioni di fatto, con riferimento alle mansioni svolte, alle condizioni di lavoro e alla durata e intensità dell'esposizione a rischio".

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(22/06/2014 - A.V.)
Le più lette:
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Cassazione: non presentarsi all'udienza è remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero creditiStalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF