Dl ambiente e agricoltura e dl semplificazioni e competitività. Le novità in breve e il testo del provvedimento

shopping e-commerce computer telematico
Nell'ampio pacchetto di misure approvate dal Consiglio dei ministri il 13 giugno scorso per la semplificazione e la crescita del Paese (dalla riforma della P.A. ai poteri al commissario anticorruzione, al processo telematico, alla scuola, ecc.), c'è posto anche per l'ambiente e l'agricoltura (DL 91/2014).
Il provvedimento dà il via libera al piano "Campo libero", proposto dal ministro alle politiche agricole Maurizio Martina, contenente provvedimenti per la competitività e la sicurezza in materia agroalimentare e azioni concrete per i giovani e il lavoro.

Con l'approvazione del decreto, si prevede innanzitutto l'arrivo di due nuovi crediti d'imposta: il primo per chi si occupa di e-commerce di prodotti agroalimentari made in Italy, il secondo per il potenziamento delle reti d'impresa e della cooperazione di filiera.
Titolari del credito d'imposta per il commercio elettronico saranno le imprese per la produzione di prodotti agricoli e le piccole-medie imprese per la produzione di prodotti agroalimentari, anche se costituite in forma di consorzio o cooperativa. Il bonus coprirà il 40% delle spese intraprese dalle aziende per i nuovi investimenti, effettuati nel triennio 2014-2016, fino a un massimo di 50mila euro. Condizione necessaria per il riconoscimento dello sgravio fiscale sotto forma di credito di imposta è però l'onere, per le aziende, di finalizzare gli investimenti alla realizzazione e all'ampliamento delle infrastrutture informatiche in grado di potenziare le attività di commercio elettronico. L'incentivo trova il proprio limite di copertura nel bilancio statale con un tetto massimo fissato in 500mila euro per il 2014 e un miliardo di euro sia per il 2015 che il 2016.
Analogo il bonus previsto per le reti d'impresa che servirà a sostenere i network nascenti e quelli esistenti, per le imprese agricole e le pmi operanti nel settore agroalimentare che attirano investimenti per lo sviluppo di nuove tecnologie e prodotti, ivi inclusa la cooperazione di filiera.

Sul fronte giovani, le misure agricole prevedono detrazioni pari al 19% per gli affitti dei terreni da parte di giovani coltivatori diretti e imprenditori agricoli fino a 35 anni, oltre a incentivi, deduzioni Irap e sgravi per i contributi assistenziali e previdenziali per chi assume con contratti a termine o a tempo indeterminato. Sempre in tema lavoro, è prevista inoltre l'istituzione di una rete del lavoro agricolo di qualità per far emergere il sommerso e promuovere la regolarità e la certificazione dell'attività delle imprese del settore e mutui a tasso zero per la costituzione di nuove aziende agroalimentari under 40.

Lato ambiente, le misure del governo si estendono dalle procedure per le bonifiche, la messa in sicurezza e il recupero dei rifiuti, anche radioattivi, con la requisizione degli impianti in caso di grave e concreto pericolo, alla semplificazione del sistema di tracciabilità. Sono previsti anche piani di tutela per le specie (flora e fauna) a rischio e della biodiversità ed estensioni delle indagini nella "terra dei fuochi" in Campania, oltre a interventi per la mitigazione dei rischi idrogeologici.
(02/08/2014 - A.V.)
Le più lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF