Sei in: Home » Articoli

Autovelox: annulabile la multa se il segnale con il limite di velocità non è ripetuto dopo l'incrocio

autovelox multe

Se l'autovelox è posto dopo un incrocio e la segnaletica contenente la prescrizione del limite di velocità non è ripetuta, la multa è annullabile. A chiarirlo è stata la Cassazione con ordinanza n. 11018 del 20 maggio 2014, accogliendo il ricorso di un automobilista sanzionato perché mentre percorreva a bordo del proprio veicolo un tratto di strada statale (nella specie, la SS 106 nel comune di Portigliola), l'autovelox, posizionato diversi metri dopo lo svincolo, rilevava una velocità del mezzo superiore di 10 km orari rispetto al limite (50 km orari) imposto dal cartello stradale situato 200 metri prima dello svincolo stesso. 

La Cassazione, sulla base della disposizione di cui all'art. 104 del Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo Codice della strada (D.p.r. n. 495/1992), riteneva che, in presenza di cartelli segnaletici che impongono limiti di velocità inferiori rispetto a quelli ordinari previsti per una determinata tipologia di strada, gli stessi vadano ripetuti dopo ogni incrocio o svincolo, salvo che si tratti di segnali a validità zonale. L'intersezione stradale, infatti, secondo la S.C., vale a ripristinare i limiti di velocità ordinari previsti per quel particolare tratto, non occorrendo, a tal fine, un apposito cartello di “fine limitazione di velocità”, poiché un siffatto cartello si pone come necessario (ex art. 119 Reg. Att. Cod. Str.) solo sui tratti di strada continui. 

Pertanto, ove la segnaletica che imponga un limite di velocità inferiore rispetto a quello di norma prescritto non venga ripetuta dopo ogni intersezione, ha statuito la Corte, il conducente viene, giustamente, indotto a credere che la limitazione precedentemente imposta sia da ritenersi superata, poiché “in mancanza di tale nuovo segnale, rivive la prescrizione generale dei limiti di velocità relativi al tipo di strada”, e, pertanto, all'utente non può essere contestata alcuna multa. 

NB: L'art. 104, comma 2, del Regolamento n. 495/92 stabilisce che: “Lungo il tratto stradale interessato da una prescrizione i segnali di divieto e di obbligo, nonchè quelli di diritto di precedenza, devono essere ripetuti dopo ogni intersezione. Tale obbligo non sussiste per i segnali a validità zonale”.
Vai al testo dell'ordinanza n 11018/2014
(27/05/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolarlo online e il calcolo manuale
» Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Appalto: la garanzia per vizi e difformità dell'opera
» Avvocati: oggi la manifestazione nazionale a Roma contro la Cassa Forense
In evidenza oggi
Cane fa pipì in strada, multa da 157 euroCane fa pipì in strada, multa da 157 euro
Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causaStrisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF