Sei in: Home » Articoli

I diversi presupposti del risarcimento e dell'indennizzo nel caso di inosservanza del termine per provvedere (CdS, IV sez., n.2638/2014)

consiglio di stato

La norma di cui al comma primo dell'art. 2 bis della l. n. 241/1990 non collega l'ipotesi risarcitoria al mero superamento del termine di conclusione del procedimento amministrativo (senza che sia intervenuta l'emanazione del provvedimento finale), ma pone l'inosservanza del termine normativamente previsto come presupposto causale del danno ingiusto eventualmente cagionato “in conseguenza” dell'inosservanza dolosa o colposa di detto termine. 
Tale interpretazione, chiaramente desumibile dal dettato normativo, è ulteriormente avvalorata dall'espressa previsione del successivo comma 1-bis, con il quale il legislatore ha voluto, per casi determinati, prevedere non già il risarcimento del danno, ma il riconoscimento di un indennizzo per i casi di inosservanza del termine di conclusione del procedimento.

In definitiva, l'inosservanza del termine di conclusione procedimentale comporta in linea generale il risarcimento del danno ingiusto, qualora, con dimostrazione del nesso causale, questo consegua alla predetta inosservanza colposa o dolosa della pubblica amministrazione; nei casi espressamente previsti, invece, l'indennizzo consegue al solo fatto del superamento del termine e, ove concorra con la distinta obbligazione risarcitoria, è detratto dalla somme complessivamente riconosciuta a tale ultimo titolo.

Ambedue le ipotesi presuppongono che si verta nell'ambito di un procedimento amministrativo, non potendo le norme applicarsi a casi di attività della pubblica amministrazione diversa da quella procedimentalizzata.

dott. Filippo De Luca

Cultore della materia in diritto amministrativo - Università di Ferrara

Specializzato nelle professioni legali

Abilitato all'esercizio della professione forense

filippodeluca86@gmail.com

http://www.studioassociatodeluca.it


Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(26/05/2014 - Filippo De Luca)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF