Sei in: Home » Articoli

Separazioni: una possibile collaborazione tra avvocato e psicologo

divorzio separazione coppia

Di Laura Tirloni - Si stima che in Italia ci sia una separazione ogni 6 minuti e un divorzio ogni 10. Nel percorso di interruzione di un legame, il diritto parla di libertà e di benessere personale come di valori universali, tuttavia non prende in dovuta considerazione i risvolti psicologici ed emotivi che caratterizzano quest'esperienza, il più delle volte dolorosa. Per coloro che passano attraverso una separazione o un divorzio, spesso dopo un lungo periodo di tensioni e incomprensioni, la dimensione legale è soltanto uno degli aspetti di un complesso processo che coinvolge componenti psichiche, emotive e sociali.

In conseguenza di ciò, un approccio interdisciplinare integrato, che preveda una stabile collaborazione tra avvocato e psicologo, rappresenta senza dubbio una modalità consigliabile ai fini del benessere del cliente. In tal modo, infatti, il soggetto sarebbe tutelato sul piano giuridico, e sostenuto sul piano psicologico, in una fase di particolare disorientamento, alla ricerca di nuovi adattamenti ed equilibri. 

La funzione della consulenza psicologica, in associazione a quella legale, sarebbe dunque in grado di offrire al soggetto uno strumento in più per elaborare “il lutto” legato alla perdita della propria relazione coniugale e al naufragare del proprio progetto di coppia e di famiglia (armoniosa, felice, stabile e duratura). 

Il divorzio decreta, infatti, la fine di una parte di vita e l'inizio di un'altra, e in questa fase così delicata uno spazio psicologico può facilitare l'espressione dei sentimenti di rabbia, frustrazione, rivendicazione, colpa che spesso accompagnano ogni distacco, promuovendo di conseguenza il benessere individuale e familiare.

L'intervento offerto in fase di prima consultazione dovrebbe svolgersi presso lo studio dell'avvocato, in uno spazio dedicato, ed entrare a far parte della normale prassi nei casi di assistenza legale in corso di separazione. 

Lo scopo del consulto è quello di orientare la persona, aiutandola ad individuare i propri bisogni e ad attivare, dove possibile, le proprie risorse, oppure di aprire le porte ad un eventuale successivo percorso psicoterapico, che in tal caso si terrebbe in altra sede.

Un intervento di affiancamento, dunque, in grado di integrare e valorizzare il ruolo dell'avvocato. 

Dott.ssa Laura Tirloni - psicologa-psicoterapeuta a Milano

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(30/05/2014 - Laura Tirloni)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF