Sei in: Home » Articoli

Ecobonus 2014 per mobili e arredi

euro soldi crisi tasse
La legge di stabilità 2014 (l. n. 147/2013) ha prorogato il c.d. "Ecobonus", confermando le detrazioni fiscali relative agli interventi di qualificazione energetica degli edifici e ai lavori di ristrutturazione edilizia fino al 2016 (con percentuali decrescenti) e per l'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici per tutto il 2014.

Per le spese sostenute per i nuovi arredi di casa, dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014, quindi, i contribuenti (persone fisiche e condomini) potranno godere delle agevolazioni Irpef del 50% estese anche agli elettrodomestici di classe A e A+ , indicandole direttamente nella dichiarazione dei redditi (di imminente scadenza), comprovandole con i documenti fiscali necessari (fatture di acquisto, pagamenti tracciabili, ecc.) e ottenendo così l'agognato rimborso.
Con due limiti però: il vincolo dei lavori di ristrutturazione e il tetto massimo di 10.000 euro.

Quanto al primo, requisito fondamentale per accedere al bonus mobili è la contemporanea presenza di lavori di ristrutturazione edilizia relativi alla manutenzione straordinaria (estesi a quella ordinaria solo qualora effettuati sulle parti comuni di un edificio condominiale), non necessariamente correlati (ad esempio, per i lavori inerenti il rifacimento del bagno possono essere acquistati i mobili per la camera da letto e viceversa).
Quanto al secondo, invece, la spesa per gli arredi non può essere superiore a quella per i lavori di ristrutturazione e in ogni caso entro un limite massimo di 10.000 euro per singola unità immobiliare.

In merito, la buona notizia è che in sede di conversione del c.d. "Decreto casa", il Senato ha eliminato il vincolo che impediva di ottenere detrazioni fiscali sulle spese per mobili ed elettrodomestici superiori a quelle per ristrutturazione.
Ciò significa che per gli arredi acquistati nel corso del 2014, oggetto delle dichiarazioni dei redditi 2015, si avrà diritto agli sgravi del 50% indipendentemente dalla spesa sostenuta per i lavori di ristrutturazione, purchè non si superi il tetto dei 10.000 euro.
(22/05/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Sinistri stradali: l'auto va riparata integralmente anche se il danno supera il valore di mercato
» Case cantoniere e stazioni: in gestione gratis agli under40
» Divorzio: l'ex va mantenuta in nome della solidarietà post-coniugale
» Aste giudiziarie: operativo il portale delle vendite pubbliche
» Avvocati: polizze assicurative da adeguare entro l'11 ottobre
In evidenza oggi
Ciclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metriCiclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metri
Multa di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospettoMulta di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospetto
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF