Sei in: Home » Articoli

MUTUO - Contraria a BUONA FEDE l'AZIONE ESECUTIVA promossa dalla BANCA che aveva accettato RATE dimezzate (Trib. TARANTO 31.3.2014)

banca contocorrente estratto conto crisi
di Paolo M. Storani - Abbiamo il piacere di presentarVi un'inedita ed interessantissima ordinanza del Tribunale di Taranto emessa il 31 marzo 2014 e relativa all'azione esecutiva intrapresa dalla banca mutuante, sul presupposto di mancato pagamento di rate di mutuo fondiario; l'attenzione del Collegio si indirizzava su uno dei motivi di impugnativa dell'azione esecutiva fatto valere dai debitori, ed ai quali era stata pignorata la casa di abitazione pignorata.

Il collegio, riformando il diniego di sospensione dell'esecuzione forzata adottato dal giudice dell'esecuzione, accoglie invece il reclamo e sospende la procedura esecutiva in corso.

Si afferma, infatti, con l'ordinanza collegiale l'inefficacia (meglio "il fumus") della implicita volontà di avvalersi della pattuita clausola risolutiva espressa perchè ritenuta in contrasto del principio di buona fede (divieto di venire contra factum proprium).

Infatti, per circa tre anni, prima della notifica del precetto, la banca aveva accettato senza battere ciglio il pagamento costante delle rate mensili di mutuo, pur se nella misura della metà di quella convenuta; la banca, per così dire, si risvegliava, solo con la notifica del precetto.

Quello che segue è il testo integrale dell'ordinanza del Tribunale di Taranto, in composizione collegiale, Sez. II, 31 marzo 2014, Pres. Gianfranco Coccioli - Rel. Claudio Casarano (completa la terna la Dott.ssa Enrica Di Tursi), con l'avvertenza che i grassetti e le sottilineature, secondo l'abituale costume di questa rubrica, sono stati apportati dal sottoscritto e non dall'autorevole Estensore.

LIA Law In Action Vi augura buona lettura!

 

TRIBUNALE DI TARANTO

II SEZIONE

Ordinanza (ex art. 624, II co.

– 669 terdecies – 737-738 c.p.c.) – (R.G. ... -2013)

 

Presidente: Gianfranco Coccioli 

Giudice relatore: dott. Claudio Casarano

Giudice: Enrica Di Tursi

 

il fatto ed il provvedimento impugnato

La ...(nota avv. Storani: si tratta dell'istituto bancario) il 13 maggio 2013 notificava atto di precetto con il quale intimava il pagamento della somma di euro 54.147,43 per il mancato pagamento di rate di mutuo fondiario stipulato in forma pubblica in data 14-03-2007 con i sig.ri ...

Al mutuo accedeva ipoteca sull'appartamento, ora in comproprietà, iure succesionis, anche della figlia dei mutuatari, per essere nel frattempo deceduto il padre.

Al precetto seguiva pignoramento immobiliare.

Gli attuali comproprietari dell'immobile proponevano opposizione all'esecuzione ma il giudice dell'esecuzione con ordinanza del 16-12-2013 rigettava la richiesta di sospensione della procedura esecutiva immobiliare in corso.

Seguiva reclamo, avversato naturalmente dalla ...(n.d.r. la banca).

il motivo che merita accoglimento: l'exceptio doli generalis sollevata è idonea a paralizzare il diritto di veder risolto il mutuo ex art. 1456 c.c. sulla base di clausola risolutiva espressa  

Tra i diversi motivi di impugnativa proposti dai reclamanti merita di trovare accoglimento quello che fa leva sull'exceptio doli generalis.

In altri termini la banca notificava precetto nel maggio del 2013, sebbene avesse accettato costanti pagamenti mensili effettuati dal coniuge del mutuatario deceduto: risulta documentato il pagamento di 31 rate mensili, pur se nella misura della metà dell'importo dovuto contrattualmente, da dicembre 2010 a giugno 2013.

La contrarietà a buona fede dell'azione esecutiva intrapresa dalla banca (divieto di venire contra factum proprium), nel presupposto dell'avvenuta risoluzione ope legis del contratto di mutuo ex art. 1456 c.c., cui è correlata naturalmente l'esigibilità di tutte le somme ancora dovute, si desume da una serie di univoche circostanze.

In primo luogo si deve considerare che il precetto si limitava semplicemente a denunziare il mancato pagamento delle rate di ammortamento scadute: “…sia ex art. 1816 c.c. sia in virtù dei patti contrattuali decaduti, i mutuatari dovevano intendersi decaduti dal beneficio del termine…”.

Nel precetto era poi specificata la qualità di erede della figlia opponente del mutuatario deceduto e la notifica del titolo anche nei suoi confronti ai sensi dell'art. 602 – 603 c.p.c. quale comproprietaria dell'immobile ipotecato.

Null'altro era detto.

Non c'era un accenno alla precedente avvenuta rinegoziazione del mutuo, che aveva portato le pattuite 120 rate del mutuo da euro 742,46 mensili a 180 rate mensili di euro 510,00.

E tale vicenda, contrariamente all'opinione espressa dalla difesa istante, ossia l'avvenuta rinegoziazione non in forma solenne del mutuo originario, non farebbe perdere ex se all'originario titolo negoziale la sua efficacia di titolo esecutivo per indeterminabilità dell'oggetto. Si deve infatti considerare che nella determinazione della somma residua dovuta ed indicata nel precetto, la banca naturalmente teneva conto del secondo piano di ammortamento più favorevole per il mutuatario; grava quindi sull'opponente l'onere di contestare specificatamente il quantum e l'eventuale accoglimento della difesa comporterebbe la sola riduzione della pretesa creditoria; che di per sé non può implicare sospensione della procedura esecutiva.

Ma soprattutto non si faceva cenno all'avvenuto pagamento di rate mensili da parte del coniuge del mutuatario deceduto; iniziativa peraltro che il coniuge superstite, con apposita missiva inviata alla banca, giustificava per il fatto che la pensione di reversibilità che iniziava a percepire risultava di molto inferiore rispetto alla pensione che percepiva il marito.

Questi poi era affetto da un male incurabile già al momento della stipula del mutuo e per questa ragione dopo pochi mesi era stata stipulata una polizza assicurativa; ma veniva ricusata efficacemente dalla società assicuratrice, dal momento che la malattia nella sua gravità conclamata preesisteva al contratto di assicurazione, come peraltro emergente da probante documentazione prodotta dalla parte opponente reclamante.

Ora se è vero che la notifica del precetto da parte della banca mutuante è generalmente interpretata come implicita volontà di avvalersi ex art. 1456 c.c. della clausola risolutiva espressa, è pur vero che la banca non poteva fare finta di niente in ordine all'avvenuto pagamento per tre anni delle rate di mutuo da parte della coniuge superstite, pur se nella misura del 50% di quella dovuta contrattualmente.

E si consideri che ogni volta il pagamento con assegno veniva accompagnato da missiva a firma della mutuataria, con tanto di puntuale descrizione anche della causale del pagamento parziale della rata di mutuo.  

Né risulta depositato allo stato alcun documento dal quale emerga una imputazione da parte della banca del pagamento parziale alla maggior somma dovuta, magari accompagnata da riserva di avvalersi pur sempre della clausola risolutiva espressa.

E si ricordi che ai sensi dell'art. 1181 c.c. il creditore può sempre rifiutare un pagamento parziale, anche in materia di prestazioni divisibili. 

Silenzio totale invece.

Il precetto non era neanche preceduto da una lettera con la quale banca spiegasse perché non avrebbe potuto essere più tollerato un pagamento parziale, pur se costante, anzi accettato per tre anni prima della notifica del precetto senza proferire verbo; ad esempio

la banca ben avrebbe potuto esprimersi in questi più corretti termini: io banca intimo di tornare a pagare la rata nel suo ammontare originario ovvero propongo magari una ulteriore rinegoziazione perché la rata pagata è troppo bassa rispetto a quella convenuta; in mancanza, nel presupposto che nessuna modifica al piano di ammortamento concordato può dirsi intervenuta, io banca mi avvalgo della clausola risolutiva espressa, rifiuto il pagamento parziale, magari imputandolo al maggior avere, e quindi ti dichiaro decaduta dal beneficio del termine, con la conseguente esigilità di tutto il debito residuo.

Non può quindi reggere la motivazione del giudice dell'esecuzione secondo cui, dovendo pur sempre essere restituita la sorte capitale residua, a tutto volere concedere agli esecutati, non vi sarebbero i presupposti per la sospensione dell'esecuzione forzata che colpiva la casa di abitazione della vedova.

Il diritto fatto valere dalla banca creditrice infatti - l'avvalersi cioè della clausola risolutiva ex art. 1456 c.c., e quindi il configurarsi dell'esigibilità del debito residuo per capitale ed interessi - non sarebbe allora meritevole di tutela alla luce del precetto ex art. 1175 c.c., secondo cui “Il debitore ed il creditore devono comportarsi secondo le regole della correttezza”, ed ex art. 1375 c.c., in tema di esecuzione secondo buona fede del contratto; o quanto meno, posto che si verte in fase cautelare, ricorre il fumus utile per ottenere la sospensione dell'esecuzione forzata in attesa del giudizio di merito che dovrà seguire.

Avendo il giudice collegiale sospeso l'esecuzione forzata, ossia adottato un provvedimento che non definisce il procedimento cautelare, preludendo anzi il necessario inizio del giudizio di merito, non può esserci statuizione sulle spese.

P.T.M.

Il Tribunale definitivamente pronunciando sul reclamo proposto dai sig.ri ... avverso l'ordinanza adottata dal Giudice dell'Esecuzione in data 16-12-2013, contro la Banca ... S.p.A., così provvede:

Accoglie il reclamo proposto e revoca il provvedimento impugnato;

Sospende l'esecuzione forzata in corso;

Spese al definitivo.

 

 

 

 

 

 


Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/05/2014 - Law In Action - di P. Storani)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF