Sei in: Home » Articoli

80 euro in più in busta paga: non serve la richiesta se c'è il sostituto d'imposta!

euro, crisi, CGIL, cig
Ormai ci siamo: da questo mese di maggio - e fino alla fine del 2014 -, i lavoratori «dipendenti e assimilati» che percepiscono un reddito annuo fino a 26.000 euro lordi, riceveranno un bonus di 80 euro come detrazione sul pagamento dell'Irpef. E finalmente, grazie alla circolare attuativa appena emanata dalla Agenzia delle Entrate, conosciamo anche le modalità operative della corresponsione del beneficio.

La bella notizia è che non occorre presentare alcuna domanda per ottenere il bonus, ma il credito verrà assegnato automaticamente e immediatamente agli aventi diritto dai rispettivi datori di lavoro. 
In qualità di sostituti d'imposta, questi aumenteranno l'importo della busta paga mensile della misura spettante al singolo lavoratore, dopo aver verificato che il valore dell'imposta lorda dell'anno superi il totale delle detrazioni per lavoratore dipendente. Coloro che posseggono i requisiti soggettivi e oggettivi per ricevere il bonus ma non si avvalgono (più) di un sostituto d'imposta dovranno invece farne richiesta nella dichiarazione dei redditi relativa all'anno 2014.

Per quanto riguarda l'importo dei benefici, questo è pari ad 80 euro mensili (640 complessivi per il periodo da maggio a dicembre) per i soggetti che guadagnano fino a 24.000 euro - escludendo i redditi da abitazione principale - mentre si riduce gradualmente per i redditi compresi fra 24.000 e 26.000 euro annui.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(30/04/2014 - A.V.)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF