Sei in: Home » Articoli

Garante: Niente nomi dei pignorati su manifesti e avvisi degli Enti Locali

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter 9/15 febbraio 2004) ha stabilito il Comune non può indicare nome e cognome di un debitore, sottoposto a pignoramento, nei manifesti recanti avvisi pubblici, come la convocazione del Consiglio Comunale. Il Garante, partendo dal principio che gli Enti Locali devono valutare sempre l'effettiva necessità di riportare dettagliate informazioni nelle deliberazioni da pubblicare e che le necessarie forme di pubblicità previste dalla normativa (affissione all'albo pretorio, comunicazione ai consiglieri, avvisi alla cittadinanza), ha precisato che le PA debbono selezionare con particolare attenzione i dati personali, specie quelli di carattere sensibile o attinenti a particolari profili di tipo giudiziario e contenzioso. Infine il Garante ha sottolineato che per portare a conoscenza della cittadinanza i temi all'ordine del giorno della seduta consiliare è sufficiente indicare l'oggetto e la sentenza di esecuzione del Tribunale senza specificare i nominativi delle parti.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/03/2004 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati: fino a mille euro per ogni figlio
» Quali beni non possono essere pignorati?
» Giovani avvocati: fino a tremila euro per master e titoli
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Condominio: per la telecamera sulle parti comuni l'unanimità non serve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF