Sei in: Home » Articoli

Cassazione: rischia carcere medico che delega prestazioni

Rischia una pesante condanna penale con tanto di reclusione il medico che delega ai colleghi le prestazioni sanitarie a lui affidate. Un comportamento di questo tipo rappresenta un ''indebito rifiuto di un atto d' ufficio'' tale da comportare ''disagi'' per i pazienti e un appesantimento del carico di lavoro dei colleghi. E' per questo motivo che la Corte di Cassazione ha appesantito la condanna nei confronti di Mario R., medico responsabile della sezione di ecografia-radiologia all'ospedale triestino di Cattinara, 'reo' di aver demandato ai colleghi esami affidati alla sezione da lui diretta.
Condannato inizialmente ad una multa di 1500 euro per interruzione di ufficio pubblico (art. 340 c.p.), il professionista si e' visto appesantire dalla Cassazione la condanna, tramutata in rifiuto di atti di ufficio (art. 328 c.p.).
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/02/2004 - Adnkronos)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF