Sei in: Home » Articoli

Il conflitto di interessi tra genitori e minore nelle controversie relative all'affidamento

minore adolescente figlio affidamento minorenne
Corte di Cassazione sentenza n. 7478 del 31 marzo 2014
In caso di controversie relative all'affidamento del figlio minore, non è necessario che in rappresentanza dello stesso venga nominato un difensore ovvero un curatore speciale. 

La Corte di Cassazione, infatti, ha recentemente affermato che tale nomina costituisce un ulteriore tutela che, ai sensi dell'art. 336 codice civile, afferisce unicamente ai provvedimenti limitativi della potestà genitoriale e non già ai procedimenti diretti ad individuare o modificare il regime di condivisione o esclusività dell'affidamento.

L'interpretazione letterale della norma in questione ha spinto la Suprema Corte ad affermare che soltanto in tema di potestà genitoriale è possibile riscontrare un conflitto di interessi tra genitori e minore intrinseco nella natura del provvedimento medesimo, mentre in tema di affidamento la sussistenza di un siffatto conflitto e la conseguente partecipazione del minore al procedimento devono essere valutate in base alle condizioni poste dalla legge e alle circostanze del caso concreto. 

In particolare, il minore potrà essere ascoltato direttamente dal giudice qualora ciò sia corrispondente agli interessi del minore medesimo e sia riscontrabile un "discernimento adeguato", potendo il giudice esercitare altresì i poteri istruttori officiosi attinenti alla natura e alla preminenza dell'interesse da tutelare. 



(22/04/2014 - A.V.)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF