Sei in: Home » Articoli

Cassazione: malato AIDS contagio' partener, merita il carcere

Merita il carcere chi, pure consapevole di essere affetto da Aids, intrattiene rapporti sessuali con donne contagiandole. Lo afferma la Corte di Cassazione che ha confermato la custodia preventiva in carcere ad un extracomunitario di 34 anni, Nigue A., indagato per ''lesioni gravi'' per aver procurato ad una ragazza, Elisa C., l'infezione da Hiv. Una misura restrittiva che, ad avviso di piazza Cavour, va applicata perche' c'e' il rischio di ''reiterazione del reato'' poiche' ''non vi e' motivo di ritenere che fuori dal carcere'' chi e' affetto dalla sindrome Hiv ''possa limitarsi ad avere rapporti sessuali protetti''. Indagato per il reato di lesioni gravi, a Nigue A. era stata applicata la custodia in carcere dal gip del Tribunale della Liberta' di Brescia (ordinanza dell'ottobre 2003). Una misura restrittiva contro la quale l'extracomunitario si e' opposto in Cassazione, sostenendo che, se rimesso in liberta', si sarebbe preoccupato di avere rapporti sessuali protetti.
La tesi del suo legale non ha convinto i giudici della Quinta sezione penale che hanno confermato la custodia in carcere per Nigue A., dichiarando inammissibile il suo ricorso e condannandolo anche ad una multa di 500 euro per le spese processuali.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(18/02/2004 - Adnkronos)
Le pił lette:
» Ereditą: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF