Sei in: Home » Articoli

Cassazione: responsabilità medica e limiti del sindacato di legittimità sulla sentenza fondata su consulenza tecnica

medico sanità chirurgo salute

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione terza, sentenza n. 7704 del 2 Aprile 2014. 

Gli eredi di un paziente, deceduto a seguito di impianto di valvola mitralica non funzionante, hanno proposto azione di risarcimento del danno nei confronti del medico che ha curato l'operazione chirurgica, il quale, a sua volta avrebbe chiamato in causa l'azienda produttrice di detta valvola. 

A seguito di tale operazione e prima del decesso, il marito della vittima avrebbe dovuto rinunciare al proprio impiego al fine di assistere la moglie, ridotta in stato di coma vegetativo. Il giudice di primo grado, dopo aver disposto consulenza tecnica d'ufficio volta a verificare l'effettivo malfunzionamento del dispositivo, rigettava la domanda risarcitoria. Tale decisione veniva confermata anche in appello e gli interessati proponevano ricorso in Cassazione.

La Suprema Corte ricorda ancora una volta come, in definitiva, non è possibile nel giudizio di legittimità spingere il sindacato su questioni attinenti il merito. Se, nella sentenza impugnata, il giudice del merito, nell'adottare la propria decisione, ha correttamente e compiutamente motivato la propria scelta e i criteri adottati nel procedimento logico non risultano irragionevoli, i ricorrenti, in sede di legittimità, non possono in alcun altro modo sindacare tali scelte se non a mezzo degli strumenti della violazione di legge e del difetto di motivazione

Non risulta infatti violato né il criterio dell'onere della prova di cui all'art. 2697 cod. civ. né è ravvisabile alcun difetto di motivazione. I ricorrenti si sono limitati a riproporre doglianze già presentate nei precedenti gradi di giudizio, senza tener conto della natura e del ruolo peculiare svolto dalla Corte di Cassazione. Il ricorso è rigettato.


Vai al testo della sentenza 77042014
(06/04/2014 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Multa di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospetto
» Pensioni: allo studio lo sconto di tre anni per l'uscita anticipata delle donne
» Per amici e parenti l'avvocato può anche lavorare gratis
» Ciclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metri
» Separazione: va mantenuta la ex disoccupata anche se può trovarsi un lavoro
In evidenza oggi
Divorzio: addio all'assegno alla moglie che va a stare con un altroDivorzio: addio all'assegno alla moglie che va a stare con un altro
Come si redige il ricorso per Cassazione? La "road map" in una sentenza della Suprema CorteCome si redige il ricorso per Cassazione? La "road map" in una sentenza della Suprema Corte
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF