Sei in: Home » Articoli

Cassazione, infermieri generici e professionali: differenze retributive per assegnazione a mansioni superiori

siringa iniezione infermiere eutanasia

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione lavoro, sentenza n. 18808 del 7 Agosto 2013. Pubblichiamo un breve commento alla sentenza in oggetto a seguito di richiesta di un nostro lettore.

Se all'infermiere generico, per carenze organizzative della struttura sanitaria presso cui è impiegato, vengono assegnate le stesse mansioni dell'infermiere professionale, allora il primo ha diritto alla medesima retribuzione spettante al secondo. E' quanto ha statuito la Cassazione nella sentenza in commento. Nel caso di specie alcuni infermieri generici ricorrono al giudice del lavoro poiché l'azienda sanitaria locale di cui sono dipendenti spesso, per assicurare il regolare servizio all'utenza, li destina a compiti propri di professionisti di fascia superiore. A nulla sono valse le difese dell'azienda sanitaria – basate per lo più sull'assunto della mancata conoscenza di tale situazione anomala - in primo e in secondo grado, dato che di fatto sono stati accertati i requisiti della continuità e della prevalenza delle mansioni superiori assegnate, data la loro durata extraquinquennale. I giudici di merito hanno condannato l'azienda a rifondere le differenze retributive spettanti agli interessati. Avverso la sentenza d'appello l'azienda propone ricorso in Cassazione.

La Suprema Corte, dopo aver compiuto una breve premessa in merito alla disciplina applicabile rispettivamente al pubblico impiego e al pubblico impiego privatizzato, conferma come non sia impossibile, in linea generale, sopperire a carenze di personale mediante l'assegnazione a risorse prive di qualifica specifica, ma idonee ad espletare la mansione, compiti di livello superiore; ma che tali assegnazioni devono avere i caratteri della temporaneità e dell'urgenza, non potendo essere classificato come tale un comportamento che perdura nel tempo, divenendo la vera e propria regola gestionale. Inoltre, al di là della problematica legata alla mancata corresponsione delle differenze retributive, vi è anche una questione di ordine pubblico, laddove il personale generico sia impiegato, ad esempio, nel servizio di pronto soccorso, mettendo in potenziale pericolo la salute pubblica laddove il personale assegnato potrebbe non essere in grado di far fronte a tutte le emergenze. La Cassazione rigetta il ricorso dell'azienda sanitaria locale.


Vai al testo della sentenza 18808/2013
(17/03/2014 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Fermo amministrativo: la giurisdizione
» Obbligare la moglie a discutere è reato
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF