Sei in: Home » Articoli

Il contratto di consulenza web marketing

mediazione contratto id0
Dott. Agostino Saviano - savago1975a@libero.it
Il contratto di consulenza web marketing è quel contratto, a carattere oneroso, stipulato tra due aziende, di cui una interessata ad avere visibilità o maggiore visibilità sul web e sui social network, e l'altra, di solito una web agency (ma anche un web master), profonda conoscitrice di tutto ciò che riguarda il web.

Col termine web marketing, si intende quel ramo del marketing che utilizza il canale on line per studiare il mercato e sviluppare i rapporti commerciali (promozione pubblicitaria, pubblicità, vendita, distribuzione, ecc.). In effetti, il web marketing può essere considerato come una sorta di negozio virtuale.

Le attività che caratterizzano il web marketing possono essere così riassunte:
- ottimizzazione: attività finalizzata ad ottenere la migliore rilevazione, analisi e lettura del sito web da parte dei motori di ricerca, grazie a un migliore posizionamento;
- posizionamento: acquisizione di visibilità tra i risultati dei motori di ricerca;
- attività dei motori di ricerca: attività atte a generare traffico qualificato verso un determinato sito web;
- pagamento per click: modalità di acquisto e pagamento della pubblicità on line;
- campagna banner: utilizzazione spazi a pagamento all'interno di un contenuto di interesse dell'utente in cui promuovere un prodotto/servizio;
- programma di affiliazione: accordo commerciale tra tre soggetti (inserzionista, affiliato e piattaforma di affiliazione);
- passaparola sul web.

Tra i soggetti stipulanti il contratto, come già anticipato, vi è la web agency. Essa è un'azienda con profonda conoscenza del mondo del web. La web agency offre servizi quali: scelta ed acquisto di un dominio, realizzazione di pagine web e loro aggiornamento, realizzazione di siti web, promozione dei siti web su internet e loro posizionamento sui motori di ricerca.

Come anticipato, col contratto di consulenza web marketing, la parte committente si affida alla consulente per avere visibilità o maggiore visibilità sul web.
La consulente designa un responsabile tecnico dell'esecuzione della consulenza oppure potrà avvalersi della consulenza e della collaborazione esterna di terzi professionisti o aziende che operano nel settore del web marketing.

A sua volta, pure la committente dovrà individuare un referente per ogni attività o questione inerente alla esecuzione della consulenza.

Generalmente, il contratto ha durata determinata e ciascuna delle parti potrà recedere tramite comunicazione scritta entro un determinato periodo di tempo prima della scadenza.

Il consulente dovrà sottoporre al committente, per la relativa approvazione, tutti gli elementi del progetto o solo quelli inerenti all'immagine o alla filosofia aziendale.

In particolare, compito della consulente al fine di trovare i clienti, sarà quello di: gestione del dominio, trasferimento del dominio e tutte le pratiche connesse al sito web; analisi del settore e/o della concorrenza anche tramite l'utilizzo di motori di ricerca; creazione di una strategia di web marketing; creazione di un sistema di visibilità aziendale sui social network 

Entrambi le parti sono tenute ad osservare la segretezza nei confronti di tutte quei soggetti 
non coinvolti nell'attività di consulenza.
La parte committente potrà utilizzare liberamente i risultati e/o le relazioni derivanti dall'attività oggetto del contratto di consulenza.
La consulente potrà utilizzare gratuitamente i risultati per uso interno. Mentre, tali risultati potranno essere pubblicati previa autorizzazione scritta della parte committente.
Dott. Agostino Saviano - savago1975a@libero.it

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(11/03/2014 - Dott. Agostino Saviano)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF