Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Guida in stato di ebbrezza e prelievo ematico: i casi in cui è obbligatorio l'avviso della facoltà di farsi assistere da un avvocato

auto guida traffico autovelox multe
di Luigi Del Giudice - Se il prelievo ematico è disposto dai medici a fini di diagnosi e cura non sussiste alcun obbligo di avviso all'indagato della facoltà di farsi assistere da un difensore di fiducia. Viceversa, tale obbligo sussiste nel caso in cui il prelievo è chiesto dagli agenti ai fini di indagine penale.

 

 E' quanto chiarito dalla Corte di Cassazione con ordinanza 24 febbraio 2014, n. 4405 la quale precisa che "in tema di guida in stato di ebbrezza, il prelievo ematico compiuto nell'ambito della esecuzione di ordinari protocolli di pronto soccorso al di fuori della emersione di figure di reato e di attività propedeutiche al loro accertamento non rientra nel novero degli atti di cui all'art. 356 cod. proc. pen., sicché non sussiste alcun obbligo di avviso, ex art. 114 disp. att. cod. proc. pen., all'indagato della facoltà di farsi assistere da un difensore di fiducia".


E più di recente è stato ribadito che: “I risultati del prelievo ematico effettuato per le terapie di pronto soccorso successive ad incidente stradale e non preordinato a fini di prova della responsabilità' penale sono utilizzabili per l'accertamento del reato di guida in stato di ebbrezza, senza che rilevi la mancanza di consenso dell'interessato. (In applicazione di tale principio la S.C. ha affermato che, per il suo carattere invasivo, il conducente può opporre un rifiuto al prelievo ematico richiesto dalla polizia giudiziaria e finalizzato esclusivamente all'accertamento della presenza di alcol nel sangue, rilevando in tal caso il suo dissenso espresso)” (Cass. pen. 6755/13, sez IV, ud 6.11.2012 rie. G.).

 

Dott. Luigi Del Giudice

www.polizialocaleweb.com

polizialocaleweb.com

 

 




Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/02/2014 - Luigi Del Giudice)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF