Sei in: Home » Articoli

BRICIOLE DI DIRITTO: Da chi subaffitta alla convivente prostituta, all'allievo che cade durante lezione di sci

briciole martello giustizia
BRICIOLE DI DIRITTO: aggiornamenti flash sulle novità giurisprudenziali della settimana
A cura dell'Avv. Barbara Pirelli
Terza settimana di febbraio.

Questa settimana: subaffittare la casa alla convivente che si prostituisce non configura il reato di favoreggiamento;il coniuge che cambia la serratura e non fa rientrare il coniuge commette il reato di esercizio arbitrario delle proprie ragioni.
E ancora se un allievo cade durante una lezione di sci ha diritto al risarcimento del danno? Sono legittimi i navigatori che segnalano gli autovelox? Chi subisce un incidente a causa di una buca ricolma d'acqua ha diritto al risarcimento del danno?



1. L'avviso di udienza successiva e' valido anche se è recepito dal difensore d'ufficio e non comunicato al sostituito. Quindi, se l'avvocato non può essere presente all'udienza per legittimo impedimento e' sua premura rendersi parte diligente per conoscere la nuova data fissata dal giudice.
Corte di  Cassazione, sentenza n. 7323 del 17.2.14


2. Subaffittare la casa alla convivente ,che la utilizza per prostituirsi, non configura il reato di favoreggiamento.
Dunque, stipulare un contratto, in cambio di un corrispettivo, non significa favorire l'esercizio dell'attività della “squillo”. 
Corte di Cassazione, sentenza n. 7338 del 17.2.14


3. L'allievo che prende lezioni di sci se perde l'equilibrio ed in seguito a ciò si frattura una gamba non ha diritto al risarcimento del danno. Per l'evento non sono responsabili ne' la scuola di sci ne' il maestro; la caduta e' un rischio accettato per chi prende lezioni di sci.
Corte di Cassazione, sentenza n. 3612 del 17.2.14

4. Se la notifica di un decreto ingiuntivo e' nulla questo non significa che il decreto ingiuntivo diventi automaticamente inefficace. La nullità può essere sanata o con la costituzione in giudizio o con la rinnovazione della notifica.
Il decreto e' inefficace solo nel caso di mancanza o giuridica inesistenza dell'adempimento.
Corte di Cassazione, sentenza n. 3552 del 14.2.14

5. La moglie ricca ma con problemi di salute ha diritto all'assegno divorzile anche se il marito non è particolarmente facoltoso. Dunque, anche se la moglie ha delle proprietà immobiliari e c'è una sproporzione reddituale tra i coniugi, ciò che giustifica la corresponsione dell'assegno e' l'inabilita al lavoro della moglie rilevata tra l'altro dal CTU.
Corte di Cassazione, sentenza n. 3365 del 13.2.14

6. La condotta di guida deve essere prudente,quindi, se un'auto impegna una curva ad alta velocità ed entra in collisione con un bus, che per le sue dimensioni, invade l'altra corsia, non vi è concorso di colpa. Unico responsabile  del sinistro e' l'auto che procedeva ad alta velocità, decisivi i rilievi degli agenti e le deposizioni dei testimoni.
Corte di Cassazione, sentenza n. 3424 del 14.2.14


7.Il provvedimento di fermo dell'indagato e' nullo se il p.m. nega al difensore la copia del decreto. In questo modo si rende impossibile la conoscenza integrale degli atti violando il principio Cedu di parità di contraddittorio fra accusa e difesa.
Corte di  Cassazione, sentenza n. 7001 del 13.2.14

8. L'avvocato non è tenuto al risarcimento dei danni in favore del cliente se la causa aveva poche probabilità di successo. 
E' stata, dunque, esclusa la colpa professionale dell'avvocato; perché ci sia colpa e' necessaria una valutazione positiva sulle possibilità di un esito favorevole della causa.
Corte di Cassazione, sentenza n. 3355del 13.2.14

9. Perché si ottenga il risarcimento dall'assicurazione il sinistro stradale non deve verificarsi solo in una strada pubblica o di uso pubblico. Il sinistro può essere risarcito anche se avviene in una strada privata come ad esempio  nell'area condominiale antistante un cancello di ingresso ai garage oppure davanti ad un esercizio commerciale, durante le operazioni di carico e scarico della merce. 
 Corte di Cassazione sentenza n. 3538 del 14.02.14.

10. L'imputato che ha un'avaria al ciclomotore e, dunque, non rientra nell'abitazione per l'orario previsto non risponde del reato di evasione, perché l'avaria costituisce un fatto imprevedibile, improvviso e non evitabile.
 Corte di Cassazione Sentenza n. 7283 del 14 febbraio 2014

11. Se una persona cade all'interno di un cimitero non può essere invocata la responsabilità derivante da cose in custodia, dunque non può esservi risarcimento, se l' evento e' dipeso da un atteggiamento distratto della persona.
Corte di Cassazione Sez. Ordinanza n. 3839 del 18 febbraio 2014

12.Il coniuge che cambia la serratura impedendo l'ingresso all'altro coniuge commette il reato di esercizio arbitrario delle proprie ragioni.
Corte di Cassazione sentenza n. 4137 del 29/01/2014 

13. Chi apostrofa l'avvocato dandogli del " fuori di testa" non risponde del reato di ingiuria.Infatti,  se la frase e' pronunciata in un contesto di scambio di opinioni non lede l'onore e il decoro del destinatario.
Corte di Cassazione sentenza n. 7594 del 18.02.2014

14. (Sentenza vintage)
Anche l'investigatore privato può essere condannato per violazione di domicilio.
E' illegale, infatti, effettuare delle riprese in ambienti interni anche se il proprietario dell'immobile ha prestato il consenso per piazzare le telecamere.
Corte di Cassazione sentenza n. 9235 dell' 08.03.2012.

15. Se la canna fumaria del vicino rilascia immissioni di fumo in maniera sporadica  non può trovare accoglimento la domanda di risarcimento.
Le immissioni non solo devono essere intollerabili ma è necessario provare che ci sia stato un danno alla salute.
Corte di Cassazione Ordinanza  n. 4093 del  20 febbraio 2014

16.Locazione  ad uso commerciale.Se la cessione del contratto di locazione non viene notificata al locatore, in caso di sfratto, al conduttore non spetta l'indennità di avviamento.
Corte di Cassazione sentenza n. 4067 del 20 febbraio 2014

17.Se il conduttore esegue all'interno dell'immobile delle riparazioni eccedenti la normale manutenzione, quindi con carattere di urgenza, ha diritto al rimborso delle spese solo se ha avvisato il locatore e questi sia rimasto inerme. 
Corte di Cassazione sentenza n. 4064 del 20 febbraio 2014

18. Se le forze dell'ordine fermano una persona alla guida di un auto, in evidente stato di alterazione da stupefacenti, per inchiodarla  non servono specifiche analisi ma sono sufficienti altri accertamenti biologici, le deposizioni raccolte e quello che è il contesto.
Corte di Cassazione sentenza n. 7958 del 19 febbraio 2014

19. Risponde di omicidio colposo chi in condizioni di scarsa visibilità non segnala l'incidente o un'altra situazione di pericolo apponendo il triangolo per terra.
Nel caso di specie un pompiere, che non aveva segnalato la sosta del mezzo antincendio, ha provocato la morte di un automobilista che si è schiantato contro il mezzo a causa della scarsa visibilità dovuta al denso fumo.
Corte di Cassazione sengenza n. 7950 del 19 febbraio 2014

20. Le registrazioni effettuate dalla persona offesa da un reato non sono soggette alle regole delle intercettazioni, quindi ,vanno considerate come validi documenti che possono essere ricondotte nel fascicolo processuale ed essere utilizzate come supporto alle dichiarazioni del teste.
 Corte di Cassazione sentenza n. 7767 del 19 febbraio 2014

21. Il partner particolarmente possessivo che tiene sotto chiave la compagna risponde del reato di sequestro di persona.
Perché si configuri il reato e' sufficiente l'attività intimidatoria o il porre in essere misure che scoraggino l'allontanamento dai luoghi ove si intende trattenere la vittima.
 Corte di Cassazione sentenza n. 7962 del 19 febbraio 2014

22. Se i coniugi acquistano un appartamento in regime di comunione dei beni, con la separazione, e quindi con l'assegnazione della casa ad uno dei coniugi, non si decade dalle agevolazioni fiscali prima casa.
Corte di Cassazione sentenza n. 3931 del 19 febbraio 2014

23.Nel caso di sinistro stradale, le dichiarazioni riportate nel Cid dal conducente non proprietario e confermate dalla testimonianza di un amico non possono essere considerate prove legali.
E' il giudice che deve apprezzare liberamente la dichiarazione confessoria.
Corte di Cassazione sentenza n. 3875 del 19 febbraio 2014

24.L'automobilista che si serve di un navigatore che funge solo da assistente di guida non rischia la sanzione amministrativa. Sono,dunque, legittimi tutti quei navigatori( uno di questi si chiama "Hermes")che  segnalano le postazioni in cui potrebbero essere i controlli e non gli apparecchi effettivamente in funzione. 
Corte di Cassazione sentenza n. 3853 del 18 febbraio 2014

25.L'amministrazione comunale e' tenuta a risarcire l'automobilista che subisce un incidente a causa di una buca ricolma d'acqua e non segnalata.La responsabilità e' esclusa solo se l'evento è' imprevedibile ed inevitabile.
 Corte di Cassazione sentenza n. 3793 del 18 febbraio 2014

26. Se nella polizza assicurativa per responsabilità del professionista e' inserita la clausola "claim made ", il professionista e' esonerato dal pagare al cliente il danno anteriore  alla polizza.
L'inserimento della clausole è frutto di una precisa scelta dell'assicuratore presumibilmente a fini promozionali.
Corte di Cassazione sentenza n. 3622 del 17 febbraio 2014













Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/02/2014 - Briciole di diritto)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF