Sei in: Home » Articoli

Scuola: Cassazione, reato tacere nei verbali gli scontri tra prof

Nei verbali di scuola vanno riportati fedelmente anche i battibecchi e gli scontri privati tra insegnanti. Riportarli, infatti, in maniera 'falsata', o magari tacerli, dice la Corte di Cassazione, costituisce reato perseguibile penalmente. Sulla base di questo principio, la Quinta sezione penale ha confermato le condanne inflitte alla preside e alla segretaria del Liceo scientifico 'Severi' di Salerno per il reato di falso ideologico continuato. Preside e segretaria dell'istituto, nel corso di un'assemblea tra docenti, avevano appunto redatto il verbale ''affermando circostanze non vere e tacendone altre che si erano effettivamente verificate''. Nel verbale si parlava di battibecchi tra docenti per voti assegnati agli studenti e raccolti qualche ora prima degli scrutini e ancora di scontri relativi al mercato nero di lezioni private.
Per questa ragione Giovanna S., la preside, e Maria Gabriella R., segretaria della scuola, eranop state condannate per falso ideologico continuato dalla Corte d'appello di Salerno (sentenza del dicembre 2002). Contro questa decisione, la preside e la segretaria hanno presentato ricorso in Cassazione, sostenendo che il verbale e' sicuramente atto pubblico per le delibere che riguardano gli indirizzi scolastici, la scelta dei programmi, i criteri di valutazione degli alunni, mentre per quel che riguarda gli scontri e i battibecchi privati tra insegnati il verbale non puo' essere considerato atto pubblico, assumendo un ''valore privatistico''.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/02/2004 - Adnkronos)
Le pi lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF