Sei in: Home » Articoli

4 febbraio 2014:il CNF approva il nuovo codice Deontologico Forense. In allegato il testo

cnf id10294
 - Dott. Emanuele Mascolo - Il 4 febbraio 2014, il CNF ha approvato il nuovo Codice deontologico forense. Ne avevamo giÓ parlato in questo sito giuridico nell'articolo che trovate qui: "Codice Deontologico Forense: novitÓ in arrivo - In allegato la bozza delle modifiche".
Ecco le modifiche apportate: 
- l'art. 1 che ora dispone quanto segue: "l''avvocato tutela, in ogni sede, il diritto alla libertÓ, l'inviolabilitÓ e l'effettivitÓ della difesa, assicurando, nel processo, la regolaritÓ del giudizio e del contraddittorio. L'avvocato, nell'esercizio del suo ministero, vigila sulla conformitÓ delle leggi ai principi della Costituzione e dell'Ordinamento dell'Unione Europea e sul rispetto della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertÓ fondamentali. Le norme deontologiche, previste a tutela dell'affidamento della collettivitÓ e della clientela, imponendo la correttezza dei comportamenti e la cura della qualitÓ ed efficacia della prestazione professionale, sono essenziali per la realizzazione e la tutela di questi valori."
 - Nei rapporti con i clienti vi sarÓ obbligo di informazione da parte dell'avvocato. L'articolo 27 prevde che, "l'avvocato deve informare chiaramente la parte assistita, all'atto dell'assunzione dell'incarico, delle caratteristiche e dell'importanza della controversia e delle attivitÓ da espletare, precisando le iniziative e le ipotesi di soluzione. L'avvocato deve informare il cliente e la parte assistita sulla prevedibile durata del processo e sugli oneri ipotizzabili; deve inoltre, se richiesto, comunicare in forma scritta, a colui che conferisce l'incarico professionale, il prevedibile costo della prestazione.
L'avvocato, all'atto del conferimento dell'incarico, deve informare la parte assistita chiaramente e per iscritto della possibilitÓ di avvalersi del procedimento di mediazione previsto dalla legge.
L'avvocato, ove ne ricorrano le condizioni, all'atto del conferimento dell'incarico, deve informare la parte assistita della possibilitÓ di avvalersi del patrocinio a spese dello Stato.
L'avvocato deve rendere noti al cliente ed alla parte assistita gli estremi della propria polizza assicurativa.
L'avvocato, ogni qualvolta ne venga richiesto, deve informare il cliente e la parte assistita sullo svolgimento del mandato a lui affidato e deve fornire loro copia di tutti gli atti e documenti, anche provenienti da terzi, concernenti l'oggetto del mandato e l'esecuzione dello stesso sia in sede stragiudiziale che giudiziale, fermo restando il disposto di cui all'art. 47, terzo comma, del presente codice.
Fermo quanto previsto dall'art. 26, l'avvocato deve comunicare alla parte assistita la necessitÓ del compimento di atti necessari ad evitare prescrizioni, decadenze o altri effetti pregiudizievoli relativamente agli incarichi in corso.
 L'avvocato deve riferire alla parte assistita, se nell'interesse di questi, il contenuto di quanto appreso legittimamente nell'esercizio del mandato.
La violazione dei doveri di cui ai commi da 1 a 5 comporta l'applicazione della sanzione disciplinare dell'avvertimento. La violazione dei doveri di cui ai commi 6, 7 e 8 comporta l'applicazione della sanzione disciplinare della censura.
TESTO NUOVO CODICE DEONTOLOGIA FORENSE
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(07/02/2014 - Emanuele Mascolo)
Le pi¨ lette:
» La manovra Ŕ legge: tutte le novitÓ punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1░ gennaio 2016?
» EreditÓ: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Con la depressione si pu˛ avere la 104?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF