Sei in: Home » Articoli

Cassazione e licenziamento per giusta causa: valido se la malattia si protrae per periodi eccessivi

licenziamento mobbing lavoro

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione lavoro, sentenza n. 1777 del 28 Gennaio 2014. E' possibile irrogare il licenziamento per giustificato motivo per periodi protratti di malattia, giorni di effettiva assenza del dipendente, tali per cui sia resa impossibile l'utile prosecuzione del rapporto di lavoro. E' quanto ha statuito la Suprema Corte nella sentenza in oggetto. Nel caso di specie un dipendente comunale veniva licenziato per assenteismo. Riconosciuta la non tempestività della notifica della sanzione per violazione del preavviso, stabilito per legge, e reintegrato in primo grado, il giudice d'appello riformava la sentenza decidendo per la legittimità del licenziamento. L'interessato proponeva dunque ricorso in Cassazione.


Nello specifico, la Cassazione ritiene che lo stato di malattia: non preclude l'irrogazione del licenziamento per giusta causa, “non avendo ragion d'essere la conservazione del posto durante la malattia in presenza di un comportamento che non consente la prosecuzione neppure temporanea del rapporto”; sospende contemporaneamente il decorso del periodo di preavviso nel licenziamento per giustificato motivo. Quindi il licenziamento, giustamente irrogato per eccessivo computo di assenze del dipendente, è sì efficace; ma guadagna tale efficacia solo al rientro del soggetto dalla malattia. Il comune non ha violato alcun termine di preavviso proprio perchè, per giurisprudenza costante, lo stato di malattia ha l'effetto di sospendere tale termine, decorrendo lo stesso nuovamente una volta che il dipendente riprende il servizio. Il ricorso dell'interessato è infondato ed è rigettato dalla Suprema Corte, la quale conferma la legittimità del licenziamento.


Vai al testo della sentenza 1777/2014
(13/02/2014 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Avvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticanti
» Autovelox e tutor: al via le nuove regole
» Come si redige il ricorso per Cassazione? La "road map" in una sentenza della Suprema Corte
» Conversione del pignoramento: la duplice ratio dell'art. 495 Cpc
» Diritti d'autore: pagare la Siae non basta, Soundreef ottiene decreto ingiuntivo per concerto Fedez
In evidenza oggi
Addio compenso per l'avvocato poco accortoAddio compenso per l'avvocato poco accorto
Vietare alla moglie di truccarsi integra il reato di maltrattamenti in famigliaVietare alla moglie di truccarsi integra il reato di maltrattamenti in famiglia
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF