Sei in: Home » Articoli

Cassazione: legittima l'azione dell'amministratore a tutela del bene comune anche in assenza di autorizzazione assembleare

locazioni condominio locazione appartamento

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione seconda, sentenza n. 1956 del 29 Gennaio 2014. Il potere di tutelare l'integrità della cosa comune, previsto dalla legge (artt. 1130 e 1131 cod. civ.) in capo all'amministratore di condominio, è da intendersi in senso estensivo. Per tutela del bene comune, in generale, si intendono tutte quelle circostanze idonee ad incidere sull'interesse della collettività dei condomini alla conservazione delle parti comuni. Così, nella sentenza in oggetto, la Suprema Corte ha ritenuto legittima l'azione legale dell'amministratore, posta in essere in assenza di specifica autorizzazione assembleare, esperita nei confronti del proprietario esclusivo che ha realizzato opere edilizie senza rispettare le distanze legali.


Nel caso in oggetto il condomino – subentrato al proprietario originario che nel frattempo era fallito - condannato sia in primo che in secondo grado di giudizio, propone ricorso in Cassazione lamentando la circostanza che l'amministratore, legale rappresentante in causa del condominio, non avrebbe avuto alcuna legittimazione ad agire. In questo caso tuttavia l'interesse del condominio prevale su quella del singolo condomino ad ottenere idonea istanza d'azione. “L'azione proposta dal condominio aveva la finalità di tutelare l'integrità della cosa comune così che essa andava qualificata tra gli atti conservativi che, a mente del combinato disposto degli artt. 1130, 1 comma n. 4 e 1131, 1 comma cod. civ., l'amministratore può porre in essere senza la previa autorizzazione dell'assemblea”. Viene quindi citata numerosa giurisprudenza precedente della Cassazione civile. Il ricorso è dunque rigettato.


Vai al testo della sentenza 1956/2014
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/02/2014 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Divorzio: arrivano gli hotel che aiutano le coppie a lasciarsi
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Accesso agli atti: dalla legge 241 alla riforma Madia
In evidenza oggi
Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionaliRisarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
Gratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocatiGratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocati
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF