Sei in: Home » Articoli

L'aumento orario di un part-time di un Comune non è una nuova assunzione. Innovativi pareri della Corte dei Conti

giudice sentenza cassazione plastilina
Dr. Bernardo Levita - La lettura della circolare n° 46078/2010 del Dipartimento della Funzione Pubblica lasciava non poche perplessità interpretative sulla annosa questione dell'aumento orario di un dipendente part-time in un Ente locale. Al punto 5 della citata circolare si può leggere che " sono subordinate ad autorizzazioni ad assumente anche gli incrementi orari concernenti il personale che è stato assunto con contratto part-time. Si ricorda infatti che l'art. 3 comma 101 della legge 244/2008 la trasformazione del rapporto di lavoro da part-time a full time può avvenire nel rispetto e nelle modalità previste dalle disposizione vigenti in tema di assunzioni". 

Cosa fare allora nel caso in cui una amministrazione comunale decida, per esigenze operative,di aumentare le ore lavorative di un part-time da 18 a 30 ore settimanali? Ecco intervenire l'illuminante parere della Corte dei Conti Lombardia - Sez. reg.le di Controllo, parere n° 462/2012- emesso su istanza di un Sindaco. Secondo i giudici amministrativi lombardi, il semplice incremento orario ( nel caso di specie da 24 a 30 ore settimanali) che non comporti la trasformazione dell'originaria contratto part-time a full- time non rientra nella previsione dell'art. 3 comma 101 della legge 244/2007. Quindi tale operazione non è ascrivibile a nuova assunzione. 

Interessante, comunque, il parere della Corte dei Conti sez. Sardegna ove si precisa che fa eccezione il caso in cui l'operazione dell'Ente sottenda ad una palese elusione della legge come nel caso di un aumento orario fino a 35 ore, una in meno del full-time. Come ovvio rimane invariato l'assetto contabile normativo come il tetto dell'aumento dei costi del personale in misura non superiore al 40% del personale cessato in caso di enti soggetti al patto di stabilità e il rapporto spese correnti e costi del personale non superiore al 50%. da dire, in ultimo, che è stato ribadito dalle varie sezioni della Corte dei Conti la necessità di un intervento normativo in materia stante la lacuna giuridica esistente.
Dr. Bernardo Levita, Ufficio Affari Legali Comune di Corleone.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/01/2014 - Dr. Bernardo Levita)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF