Sei in: Home » Articoli

Ministero del Lavoro: il primo anno di applicazione della legge Fornero

ministero lavoro

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, precisando che il monitoraggio e la valutazione delle riforme legislative costituiscono uno strumento indispensabile per migliorare la produzione normativa e accrescere l'efficacia degli interventi soprattutto in presenza di risorse scarse, ha pubblicato il primo Quaderno di monitoraggio della Riforma del Lavoro (L. 92/2012).

Come sottolineato nell'Introduzione al Quaderno, a firma del Ministro Enrico Giovannini, l'art.1  della  legge  n. 92  del  28 giugno 2012 di riforma del mercato del lavoro prevede l'obbligo di tali attività e il Quaderno rappresenta il primo prodotto di un progetto articolato e di medio  termine, che  fornirà ulteriori risultati nei prossimi mesi.

Il Quaderno di monitoraggio copre il periodo luglio 2012 - giugno 2013, cioè il primo anno di applicazione della riforma Fornero.

Il Quaderno, con l'aiuto di tabelle e grafici, si sofferma in particolar modo su queste tematiche: Il sistema permanente di monitoraggio della L. 92/2012, La riforma del mercato del lavoro, Le criticità strutturali del mercato del lavoro e le raccomandazioni internazionali, Gli indicatori di contesto, Le principali azioni della legge 92/2012 e gli indicatori di monitoraggio, Le fonti informative per il monitoraggio, Gli indicatori chiave dell'economia e del mercato del lavoro, La flessibilità in entrata: le diverse tipologie contrattuali, La flessibilità in uscita: le risoluzioni dei contratti di lavoro.

Nell'Appendice vengono evidenziate le principali basi dati utilizzate per il monitoraggio.

Quaderno_1
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(30/01/2014 - L.S.)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF