Sei in: Home » Articoli

Si' alla prova indiretta e indiziaria nell'accertamento della paternita' naturale.

affido figli affidamento
Dott.ssa Sabrina Caporale
sabrinacaporale87@gmail.com
tel. 329/3837427

“L'art. 269 c.c., nella vigente formulazione non pone alcuna limitazione in ordine ai mezzi con i quali può essere provata la paternità naturale e, così, consente che quella prova possa essere anche indiretta ed indiziaria, e possa essere raggiunta attraverso una serie di elementi presuntivi (…)”.

 

E' quanto affermato dalla Corte di Cassazione nella recente sentenza n. 1279 del 22 gennaio 2014, emessa all'esito di un procedimento vertente in materia di dichiarazione e prova della paternità naturale.

Il ricorrente, erede legittimo di colui del quale si accertava lo status controverso, lamentava l'utilizzo  -ai fini della prova della paternità -  di elementi meramente indiziari e presuntivi.

La Cassazione investita della vicenda, così concludeva.

“Deve ribadirsi che l'art. 269 c.c., nella vigente formulazione non pone alcuna limitazione in ordine ai mezzi con i quali può essere provata la paternità naturale e, così, consente che quella prova possa essere anche indiretta ed indiziaria, e possa essere raggiunta attraverso una serie di elementi presuntivi che, valutati nel loro complesso e sulla base del canone dell'id quod plerumque accidit, risultino idonei, per la loro attendibilità e conlcudenza a fornire la dimostrazione completa e rigorosa della paternità. In particolare, nell'ambito di queste circostanze indiziarie sono utilizzabili come elementi di giudizio il tractatus e la fama (consistendo il primo nell'effettivo rapporto fra l'asserito genitore e la persona a cui favore si chiede la dichiarazione giudiziale di paternità, nel senso che il padre l'abbia trattata come figlio e abbia provveduto in questa qualità al mantenimento, all'educazione e all'istruzione, e la seconda nella manifestazione esterna di tale rapporto nelle relazioni sociali), essendo gli stessi indicativi d quel possesso di stato di figlio naturale, al quale già il testo dell'abrogato art. 270 c.c. attribuiva l'idoneità a dimostrare la paternità naturale (Cass., Sez. I, 5 agosto 1997, n. 7193; Cass. ,  aprile 2008, n. 10007)”.

Di alcuna rilevanza, pertanto, i motivi di doglianza spiegati avverso la sentenza della Corte d'Appello; la quale al contrario, merita di essere confermata, perché “con motivazione adeguata, logicamente coerente ed immune da vizi giuridici, ha esaminato i diversi elementi acquisiti valutandoli singolarmente, in correlazione tra loro e nel contesto anche storico – sociale di rifermento; pervenendo alla corretta affermazione nell'ambito dell'indicata ampiezza dei mezzi di prova consentita dal richiamato art. 269, comma 2, c.c., del rapporto di filiazione per cui è processo”. 

Dott.ssa Sabrina Caporale - sabrinacaporale87@gmail.com - tel. 329/3837427
Altri articoli della Dott. Sabrina Caporale
(28/01/2014 - Sabrina Caporale)
Le più lette:
» Pensioni: allo studio lo sconto di tre anni per l'uscita anticipata delle donne
» Per amici e parenti l'avvocato può anche lavorare gratis
» Separazione: va mantenuta la ex disoccupata anche se può trovarsi un lavoro
» Avvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticanti
» Autovelox e tutor: al via le nuove regole
In evidenza oggi
Avvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticantiAvvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticanti
Giudizio di cassazione e adunanza camerale: se il controricorso è tardivo, la memoria ora è ammissibileGiudizio di cassazione e adunanza camerale: se il controricorso è tardivo, la memoria ora è ammissibile
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF