Sei in: Home » Articoli

L'incarico del dirigente comunale esterno deve durare non meno di tre anni

lavoratori ufficio impiegati

di Marco Massavelli - In tema di affidamento, negli enti locali, di incarichi dirigenziali a soggetti esterni all'amministrazione si applica l'articolo 19, decreto legislativo 165/2001, nel testo modificato dall'articolo 14-sexies, decreto legge 155/2005, convertito con modificazioni nella legge 168/05, secondo cui la durata di tali incarichi non può essere inferiore a tre anni né eccedere il termine di cinque, e non già l'articolo 110, comma 3, decreto legislativo 267/2000 (T.U. Enti locali), il quale stabilisce che la incarichi a contratto non possono avere durata superiore al mandato elettivo del Sindaco in carica. E' il principio di diritto stabilito dalla Corte di Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con la sentenza n. 478 del 13 Gennaio 2014.


La questione principale trattata dalla Suprema Corte riguarda, appunto, i rapporti tra l'articolo 19, decreto legislativo 165/2001 e l'articolo 110, TUEL. I giudici di legittimità ritengono che la norma di cui all'articolo 19, decreto legislativo 165/2001, deve applicarsi anche agli enti locali. In particolare, infatti, l'articolo 1, decreto legislativo 165/2001, stabilisce che “Le disposizioni del presente decreto disciplinano l'organizzazione degli uffici e i rapporti di lavoro e di impiego alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche” (comma 1) e che “Per amministrazioni pubbliche si intendono tutte le amministrazioni dello Stato, …, le Regioni, le Province, i Comuni, le Comunità montane…” (comma 2).


Per cui, anche per gli enti locali, “Per esigenze cui non possono far fronte con personale in servizio, le amministrazioni pubbliche possono conferire incarichi individuali, con contratti di lavoro autonomo, di natura occasionale o coordinata e continuativa, ad esperti di particolare e comprovata specializzazione anche universitaria …” in presenza dei presupposti di legittimità previsti dall'articolo 7, comma 6, decreto legislativo 165/2001. A maggior suffragio dell'applicazione dell'articolo 19, decreto legislativo 165/2001, anche agli enti locali, all'articolo 7, comma 6-ter, è stato inserito proprio un riferimento al TUEL, stabilendo che
I regolamenti di cui all'articolo 110, comma 6, del testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, si adeguano ai principi di cui al comma 6”.


E il regolamento a cui viene fatto riferimento è quello comunale/provinciale sull'ordinamento degli uffici e dei servizi, che, negli enti in cui è prevista la dirigenza, “stabilisce i limiti, i criteri e le modalità con cui possono essere stipulati, al di fuori della dotazione organica, contratti a tempo determinato per i dirigenti e le alte specializzazioni, fermi restando i requisiti richiesti per la qualifica da ricoprire”. La Corte di Cassazione conclude quindi stabilendo che l'articolo 19, decreto legislativo 165/2001, “nel prevedere che la durata dell'incarico dirigenziale non può essere inferiore a tre anni, integra quella di cui all'art. 110 T.U. Enti locali”.


In particolare, l'articolo 19, stabilendo una durata dell'incarico non troppo breve, consente al dirigente di esercitare le proprie funzioni e il proprio mandato per un tempo adeguato al raggiungimento degli obiettivi affidati dall'Amministrazione con il P.E.G., mentre l'articolo 110 fornisce all'Amministrazione, e nel caso di specie, al Sindaco, uno strumento normativo per affidare incarichi di responsabilità degli uffici comunali a soggetti individuati direttamente, sulla base di uno stretto rapporto fiduciario personale, anche al di fuori di un rapporto di dipendenza a seguito di concorso pubblico, e oltre le dotazioni organiche fissate con apposito provvedimento politico/amministrativo.


Vai al testo della sentenza 478/2014
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/01/2014 - C.G.)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF