Sei in: Home » Articoli

Cassazione: illegittimo il licenziamento per abbandono della postazione se l'atto è causato da pressione ingiustificata

lavoro fabbrica industria licenziamento lavoratore

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione lavoro, sentenza n. 589 del 14 Gennaio 2014. La sanzione massima dell'espulsione – cioè del licenziamento – del lavoratore dall'azienda può essere correttamente irrogata solo secondo criteri tassativi e pur sempre nel rispetto del principio di proporzionalità. E' illegittimo il licenziamento inflitto per ragioni che non possono essere qualificate giudizialmente come giusta causa.


Nel caso in oggetto un dipendente è stato licenziato dopo che lo stesso avrebbe ingiustificatamente abbandonato la propria postazione durante l'orario di lavoro. In realtà, in corso di causa, è emerso che l'atto di lasciare il luogo di lavoro è stato dettato da l'ennesimo comportamento discriminatorio datoriale: al lavoratore sarebbe stato intimata la perquisizione poiché sospettato di aver sottratto alcuni beni appartenenti all'azienda. A tale pratica era sottoposto ormai da molto tempo e, nonostante i continui reclami e richieste di intervento rivolte ai superiori gerarchici, questa condizione era finita per divenire psicologicamente insostenibile. Impugnato il licenziamento, esso veniva rigettato in primo grado mentre la sentenza veniva completamente riformata in appello, con contestuale condanna del datore di lavoro al risarcimento del danno. Contro tale statuizione l'azienda proponeva ricorso in Cassazione.


Secondo la Suprema Corte ogni tipo di valutazione richiesta dal caso in esame riguarda il merito, e come tale è insindacabile dal giudice di legittimità se non nei limiti del difetto o irragionevolezza della motivazione. Il giudizio di proporzionalità – cioè di effettiva sproporzione tra licenziamento e condotta vessatoria subita dal lavoratore – è questione riservata al giudice d'appello, il quale ha correttamente valutato tutte le prove prodotte in giudizio, formando su di esse il proprio convincimento. Da ciò, la carenza di proporzionalità e dunque di giusta causa hanno determinato l'illegittimità della misura sanzionatoria adottata.


Vai al testo della sentenza 589/2014
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/01/2014 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF