Sei in: Home » Articoli

Matrimonio GAY. Opinioni a confronto. Di la tua!

gay omosessuali
Se i Paesi Bassi sono stati i pionieri del matrimonio gay nel 2001, a ruota molti Stati della vecchia Europa hanno rotto i tab¨: dal Belgio, alla fredda penisola scandinava, all'Islanda, fino alla cattolica Spagna e al Portogallo. 
Al coro si Ŕ unita di recente la Francia che, dopo essersi spaccata in due tra sostenitori e detrattori, Ŕ diventata la quattordicesima nazione ad estendere l'istituto del matrimonio alle coppie dello stesso sesso, consentendo anche la possibilitÓ di adottare figli e, infine, il Regno Unito. 
Ma, anche dal resto del mondo continua a prevalere il sý all'unione civile omosessuale. Legalizzata in Canada sin dal 2005 Ŕ consentita, tra gli altri, anche in Argentina, in Brasile, in Sudafrica, mentre negli Stati Uniti dove fino allo scorso anno erano diciassette gli Stati che avevano deciso in autonomia di far contrarre matrimonio alle coppie dello stesso sesso, dopo la sentenza della Corte Suprema, l'unione gay Ŕ prevista anche a livello federale. Paesi, com'Ŕ evidente, con sistemi giuridici basati sulla Common Law, ma tanti che affondano le radici nella Civil Law, e, quindi, con diritti codificati. 
A rimanere fuori classifica, Ŕ l'Italia dove, proprio in questi ultimi questi giorni, la querelle sulle nozze gay ha acceso gli animi di parte della maggioranza. 
In realtÓ, i tentativi di portare in Parlamento il problema della regolamentazione delle convivenze sono stati diversi negli anni, a partire da patti pi¨ o meno privatistici sino a veri e propri progetti di legge. Ad oggi, un nulla di fatto, dovuto principalmente al timore che l'approvazione delle nozze gay costituisca il primo passo verso il riconoscimento dell'adozione e, soprattutto, a ragioni di carattere religioso che nulla hanno a che vedere con le unioni civili.
Ma, intanto, il consenso sociale Ŕ in crescita e sul legislatore pesano sempre di pi¨ i moniti del giudice delle leggi (giÓ nella sentenza n. 138/2010, la Corte aveva affermato che una coppia omosessuale ha diritto di avere riconoscimento giuridico dell'unione con connessi diritti e doveri, rinviando al Parlamento per l'individuazione delle apposite forme di garanzia), della Cassazione e gli appelli delle corti di merito che si trovano nell'incapacitÓ di decidere di fronte ai ricorsi delle coppie omosessuali. Di fatto, in Italia i matrimoni gay non sono espressamente previsti dal codice civile nÚ dalla Costituzione. Ma non sono neanche espressamente vietati. Anzi, la carta costituzionale tutela esplicitamente ogni individuo secondo principi di uguaglianza e riconosce i diritti della famiglia come societÓ naturale fondata sul matrimonio, lasciando ampia libertÓ al legislatore. Per non parlare delle convenzioni internazionali che vietano ogni discriminazione fondata sull'orientamento sessuale nel diritto ad avere una famiglia. E se il diritto Ŕ lo specchio della societÓ civile, la strada Ŕ inevitabilmente tracciata. 
Detto questo voi cosa ne pensate? Siete a favore o contro il matrimonio gay? Dite la vostra rispondendo al sondaggio oppure lasciate un commento utilizzando l'apposito form.
Il sondaggio aperto. Vota anche tu!

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/01/2014 - Sondaggi)
Le pi¨ lette:
» EreditÓ: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF