Sei in: Home » Articoli

Coppie di fatto: Cassazione, se finisce la relazione i beni mobili dell'ex convivente vanno restituiti

separazione divorzio mantenimento
Avv. Barbara Pirelli del Foro di Taranto
E-mail:ábarbara.pirelli@gmail.com
Come detto pi¨ volte, in Italia non esiste ancora una legge ad hoc per la tutela dei diritti delle coppie di fatto; sono stati fatti piccoli passi avanti per arginare il problema, come la possibilitÓ di firmare i c.d. "Patti di convivenza" davanti ad un notaio e questo e' stato possibile a partire dal 2 dicembre 2013. Ma con i "patti di convivenza" possono solo disciplinarsi gli aspetti patrimoniali dei conviventi ma non gli aspetti personali, tipo l'affidamento dei figli, la corresponsione dell'assegno di mantenimento.
Dunque, non essendoci una legge dedicata molti casi sono disciplinati per analogia con quelli che sono i diritti spettanti ad una coppia di coniugi ma il pi¨ delle volte ci si trova disorientati nell'affrontare problematiche che non hanno una vera e propria soluzione legislativa.
Pu˛ accadere,quindi, che al termine della convivenza nella casa dell'ex compagno restino beni mobili dell'altro partner; cosa fare per farseli restituire? Sul punto si Ŕ espressa pochi giorni fa la Corte di Cassazione, con la sentenza n. á28718 del 30 dicembre 2013, sostenendo che tutti i beni mobili che costituiscono ál'arredamento della casa in cui si svolge il mÚnage familiare, al termine della relazione, devono essere restituiti al titolare che sui beni ha la proprietÓ esclusiva. Ovviamente, e' necessario che la proprietÓ dei beni venga provata in qualche modo o attraverso prove documentali o anche per testimoni.
Quindi, vanno restituiti anche tutti gli oggetti di lusso che non siano dei regali; inoltre, l'ex compagno non pu˛ trattenere i beni mobili dell'altro adducendo come scusa che durante la convivenza il partner fosse particolarmente generoso al punto da regalare anche notevoli somme di danaro.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(09/01/2014 - Avv. Barbara Pirelli)
Le pi¨ lette:
» Cassazione: il giudice non pu˛ mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF