Sei in: Home » Articoli

La riforma del processo civile nel collegato alla legge di stabilità. In allegato il testo della riforma

sentenza cassazione martello giudice legge antoci etna
Il Consiglio dei Ministri, riunito il 17 dicembre, ha approvato un disegno di legge delega al Governo, collegato alla Legge di Stabilità, per la riforma del processo civile. La ratio è quella di rendere più efficiente il processo di cognizione e di esecuzione forzata, di smaltire l'arretrato civile e di modificare la disciplina delle garanzie reali mobiliari. 
Nell'ottica dell'accelerazione dei tempi processuali, le norme di delega attribuiscono al giudice il potere di decidere la controversia in primo grado mediante dispositivo (spetterà eventualmente alle parti chiedere la motivazione estesa ai fini dell'impugnazione e previo pagamento di una quota prefissata), nonché la facoltà (limitata alle cosiddette cause semplici) di disporre il passaggio dal rito ordinario al rito sommario di cognizione
Al fine di accelerare i tempi processuali, le norme di delega consentono al giudice d'appello che conferma il provvedimento di merito di rifarsi alla motivazione del giudice di primo grado. Sempre in appello e limitatamente a materie di limitata complessità, la controversia viene trattata e decisa dal giudice monocratico e non dal collegio. 
La riforma mira, poi, a introdurre nel sistema delle garanzie mobiliari forme di garanzia senza spossessamento in modo tale da favorire l'accesso al credito da parte delle piccole e medie imprese. Nella ricerca dei beni da pignorare, l'interrogazione delle banche dati (tra cui l'anagrafe tributaria) da parte degli ufficiali giudiziari determina un maggiore ricorso rispetto al passato alle modalità telematiche. 
Infine, per la quantificazione del danno e con riferimento a particolari materie di carattere tecnico, si prevede che il processo venga preceduto dall'espletamento di una consulenza tecnica.
Scarica il PDF della bozza di riforma del processo civile
(20/12/2013 - A.V.)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF