Sei in: Home » Articoli

Cassazione: la gestante deve essere informata anche delle carenze strutturali della struttura sanitaria in cui va eseguito il parto

medici operazione medico
Se la struttura sanitaria presso cui è stata programmato un parto non ha dotazioni strutturali idonee a far fronte ad eventuali parti prematuri, è necessario che la gestante sia stata adeguatamente informata di tale carenza e dei rischi che ne conseguono
In difetto, sia il primario, sia la struttura sanitaria, dovranno risarcire il danno. 
E' quanto emerge da una sentenza della Corte di Cassazione (n. 25907/2013) che ha tirato di nuovo in ballo la tematica del consenso informato.

Nel caso di specie proprio per l'inesistenza di un reparto di pediatria neonatale si era verificato un grave ed irreversibile danno neurologico a due gemelli.

E' stato proprio il difetto di informazione a indurre i giudici di merito a riconoscere il diritto al risarcimento del danno in favore dei genitori  e dei due gemelli, condannando il primario e la struttura sanitaria.
La responsabilità è stata riconosciuta anche per un ulteriore negligenza che è stata quella di non aver disposto il trasferimento in una sede ospedaliera più adeguatamente dotata di strumentazione, nonostante fossero prevedibili le gravi difficoltà, dato che erano già apparsi inequivocabili sintomi  di avvicinamento al parto in una donna che si trovava nella 28ª settimana di gravidanza.



Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/11/2013 - A.V.)
Le più lette:
» Il reato di violenza privata
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Biciclette: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanza
» Gli eredi legittimi: chi sono e quale è la differenza con i legittimari
» Colpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
In evidenza oggi
Catasto: è gratuita la consultazione delle visureCatasto: è gratuita la consultazione delle visure
Ddl salvaciclisti: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanzaDdl salvaciclisti: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanza
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF