Sei in: Home » Articoli

Cassazione: licenziamento illegittimo se la ricevuta della raccomandata è illegibile

licenziato id8475

di Licia  Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione lavoro, sentenza n. 25917 del 19 Novembre 2013. Se il datore di lavoro non fornisce prova adeguata dell'avvenuta notifica della lettera di licenziamento al dipendente, e se altresì la ricevuta della lettera raccomandata con cui è stato intimato al lavoratore il licenziamento non è “agevolmente leggibile”, in quanto prodotta in fotocopia, l'estinzione del rapporto è illegittimo, specie se il dipendente ne ha richiesto più volte copia originale.

Nel caso in oggetto il dipendente licenziato contesta l'illegittimità dello stesso chiedendo l'accertamento di diverse violazioni allo statuto dei lavoratori, a partire dalla data certa della notifica della propria lettera di licenziamento. In corso di causa il datore ha fornito soltanto una “volanda”, semplice attestazione delle poste senza alcun valore legale, ritenuta dal giudice del merito inadeguata a segnalare data certa di consegna al destinatario. In ogni caso, il licenziamento sarebbe stato irrogato prima della scadenza dei cinque giorni, decorrenti dal momento della contestazione, per iscritto, previsti dalla legge (art. 7 Statuto dei lavoratori). La Suprema Corte, in quanto giudice del merito, si limita a verificare la correttezza dell'iter logico alla base del ragionamento del giudice del merito – e non, come richiesto dall'azienda ricorrente, anche alcune censure relative al merito della questione - verificando che la motivazione della decisione impugnata sia immune da censure e vizi. Rigetta dunque il ricorso, confermando ciò che è stato statuito nel merito, sopra riassunto.


Vai al testo della sentenza 25917/2013
(10/12/2013 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF