Sei in: Home » Articoli

Il contribuente può usufruire delle agevolazioni prima casa solo con convenzione comunale

casa condominio

di Marco Massavelli - Corte di Cassazione Civile, Sezione Tributaria,, sentenza n. 25473 del 13 novembre 2013. Non beneficia delle agevolazioni prima casa il contribuente se al momento della registrazione dell'atto non è stata ancora stipulata la convenzione col comune. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, Sezione Tributaria, con la sentenza 13 novembre 2013, n. 25473.

Così come previsto dall'articolo 5 della legge n.168/82, l'agevolazione viene riconosciuta esclusivamente quando sia stata stipulata la convenzione ed atteso che questa è indispensabile all'attuazione del recupero, in mancanza viene meno la causa dell'agevolazione e la conseguenza che la convenzione deve esser necessariamente intesa come elemento costitutivo del beneficio. In particolare, il citato articolo 5, comma 1, legge 22 aprile 1982, n. 168, prescrive che “nell'ambito dei piani di recupero di iniziativa pubblica, o di iniziativa privata purchè convenzionati, di cui agli articoli 27 e seguenti della legge 5 agosto 1978, n. 457, ai trasferimenti di immobili nei confronti dei soggetti che attuano il recupero, si applicano le imposte di registro, catastali e ipotecarie in misura fissa”. Non può accogliersi la tesi secondo cui il diritto all'agevolazione deve essere riconosciuto pur se, al momento della registrazione dell'atto, il contribuente non l'aveva richiesto e non era ancora stata stipulata la Convenzione con il Comune. Pur in mancanza di espressa previsione, l'articolo 5, comma 1, legge 22 aprile 1982, n. 168, non può interpretarsi nel senso che la disposizione non subordina il diritto al beneficio a nessuna delle due citate condizioni. Il beneficio, in quanto eccezione alla regola generale, deve considerarsi di stretta interpretazione e quindi non applicabile fuori dei casi previsti dalla legge, in ragione del divieto di analogia di cui all'articolo 14, preleggi.



Vai al testo della sentenza 25473/2013
(01/12/2013 - C.G.)
Le più lette:
» Inammissibile il ricorso? Cassazione condanna il difensore in proprio al pagamento delle spese legali
» È lecito girare nudi per casa?
» Multa di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospetto
» Per amici e parenti l'avvocato può anche lavorare gratis
» Ciclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metri
In evidenza oggi
Vittima di violenza sessuale: l'avvocato è sempre gratisVittima di violenza sessuale: l'avvocato è sempre gratis
Separazione: va mantenuta la ex disoccupata anche se può trovarsi un lavoroSeparazione: va mantenuta la ex disoccupata anche se può trovarsi un lavoro
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF