Sei in: Home » Articoli

Cassazione: illegittimo il licenziamento collettivo disposto separatamente per singoli centri produttivi

lavoro lavoratore licenziamento strada

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione lavoro, sentenza n. 25310 dell'11 Novembre 2013. In tema di licenziamento collettivo la Suprema Corte opera un'importante distinzione tra collocamento in mobilità per singoli reparti produttivi dell'intero assetto aziendale e collocamento in maniera separata per ciascuno dei centri operativi dell'azienda dislocata in tutta Italia. Nel primo caso il licenziamento collettivo, in generale giustificato per motivi legati ad esigenze di costi di produzione, sarebbe legittimo; nel secondo, come nel caso prospettato, occorre che il datore di lavoro alleghi idonee ragioni per giustificare tale limitazione.

Proprio il secondo caso è quello prospettato nel fatto di cui trattasi. La Cassazione, con riguardo ai licenziamenti collettivi per riduzione del personale, confermando il proprio orientamento maggioritario, ha affermato che“ai fini della determinazione dell'ambito di attuazione del licenziamento e dell'individuazione dei lavoratori da licenziare deve tenersi conto di tutti i lavoratori dell'azienda, sicchè non può valere a ridurre il numero dei soggetti da valutare comparativamente il mero ridimensionamento (o la stessa soppressione) di un reparto, potendo la riduzione del personale essere limitata agli addetti a tale reparto solo allorquando sia costoro sia gli addetti ai restanti reparti siano portatori di specifiche professionalità non omogenee che ne rendano impraticabili in radice qualsiasi comparazione”. Il licenziamento collettivo in oggetto è dunque da considerarsi illegittimo e il ricorso è rigettato.


Vai al testo della sentenza 25310/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/11/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF